Juventus, Inter e Milan escluse dalla Serie A: avv. Grassani spiega

Juventus, Inter e Milan potrebbero essere escluse dalla Serie A, per colpa della Superlega calcio. L’avvocato Grassani ha dato maggiori delucidazioni 

Superlega calcio Juventus Inter Milan
Superlega calcio Juventus Inter Milan

La nascita della Superlega calcio ha scosso il mondo dello sport e le conseguenze per i club che prenderanno parte al nuovo torneo potrebbero essere pesantissime. Tra le 12 squadre coinvolte, anche 3 italiane: Juventus, Milan e Inter, sotto i riflettori per una scelta così drastica, quanto criticata.

Le tre società hanno già avuto modo di conoscere l’opinione della UEFA, intenzionata ad eliminarle dalla Serie A. Il massimo organo del calcio europeo, infatti, punta ad escludere i top club della Super League dai campionati nazionali e le italiane non sono esenti. Nella giornata di ieri, le 20 squadre del massimo torneo italiano hanno discusso in videoconferenza, con i dirigenti di Juventus, Inter e Milan che hanno ribadito la loro intenzione di voler restare in Serie A, anche durante lo svolgimento della Superlega calcio.

Leggi anche -> Superlega, tremano Juventus, Milan e Inter: l’ipotesi di UEFA E FIFA

Superlega calcio, i rischi per Juventus, Milan e Inter: parla l’avvocato Grassani

Superlega calcio Juve Inter Milan
Superlega calcio Juve Inter Milan

La UEFA non è per nulla d’accordo con le 12 società fondatrici della Super League ed è pronta a prendere provvedimenti nel minor tempo possibile. A parlare di questo ipotetico scenario è stato anche l’avvocato Mattia Grassani, esperto di diritto sportivo anche in campo internazionale e già protagonista quest’anno nel caso relativo alla partita fantasma tra Juventus e Napoli di ottobre.

Ai microfoni della Gazzetta dello Sport, l’avvocato Grassani non ha affatto escluso la possibilità che Inter, Milan e Juve possano essere eliminate dalla Serie A: “La Federcalcio italiana fa parte della UEFA e potrebbe prendere provvedimenti. L’esclusione dei giocatori dalle competizioni nazionali e internazionali e dei club dai rispettivi campionati, mi sembra un’ipotesi comprensibile e fondata“.

Infine, ha concluso: “La Superlega calcio non è ovviamente un reato. I club si sono avvalsi del diritto privato e si sono impegnati a rispettare le regole, sottoscrivendo degli atti di affiliazione”.

Restano dunque aperti tutti gli scenari per Juventus, Inter e Milan, anche quelli dell’esclusione dalla Serie A. La UEFA si riunirà venerdì in un Comitato Esclusivo, mentre le 20 società italiane si incontreranno martedì prossimo per affrontare il tema di persona.