Di Canio, l’attacco in diretta spiazza tutti: “Lukaku è un…”

Paolo Di Canio, ai microfoni di Sky Sport, ha commentato l’intervista rilasciata da Romelu Lukaku. Leggi le dichiarazioni dell’ex calciatore della Lazio

di canio lukaku
Paolo Di Canio, ex calciatore e opinionista di Sky Sport (Foto LaPresse)

La recente intervista rilasciata da Lukaku, ai microfoni di Sky Sport, ha spiazzato tantissimo i tifosi dell’Inter. Il belga, come sappiamo, ha in primis chiesto scusa ai sostenitori nerazzurri e, in secondo luogo, ha ammesso come un giorno gli piacerebbe tornare.

Riallacciandosi all’intervista dell’attaccante del Chelsea, Paolo di Canio ha espresso la sua opinione sul momento che sta attraverso BigRom. Le parole dell’ex attaccante della Lazio, però, hanno colto alla sprovvista i telespettatori.

Paolo Di Canio su Romelu Lukaku: “E’ molto fragile…”

Paolo Di Canio, ex calciatore della Lazio e attuale opinionista di Sky Sport (Foto LaPresse)

L’ex calciatore della Lazio, nel pre-partita di Premier League tra Chelsea e Liverpool, ha commentato in questo modo l’intervista rilasciata dall’attaccante belga ai microfoni di Sky Sport: “Matteo Barzaghi è stato bravo a tirar fuori cosa aveva Romelu nell’anima. Lui si è dimostrato fragile caratterialmente. Deve capire che la scorsa stagione ha vinto lo Scudetto in Italia da protagonista insieme alla squadra, però non è né Messi né Maradona”.

Leggi anche -> Lukaku, è rottura col Chelsea: parla Antonio Conte

Di Canio poi ha proseguito: “Ora gioca un campionato dieci volte superiore alla Serie A e ora è uno dei tanti, ma se arrivi lì pensando di essere il numero uno non hai capito nulla. In Premier giochi contro City e Liverpool che sono squadre di livello mondiale e tu sei in un club che l’anno scorso ha vinto la Champions“.

Leggi anche -> Lukaku, l’auto dell’ex Inter fa sognare: il bolide ha un particolare super 

Di Canio ha poi concluso: “Per me si è fatto un autogol clamoroso in quell’intervista. Lui deve capire, come detto, che adesso è uno dei tanti. Nell’intervista ha fatto capire che lui è fragile, un ‘panterone moscione’. Molto forte fisicamente ma caratterialmente è sempre stato una persona che ha fatto fatica. Credo che il Chelsea si stia mangiando le mani per la spesa fatta, un giocatore forte ma di cui potevano fare anche a meno”.