Icardi: “L’Inter può vincere lo scudetto, ma in Champions voglio batterla”. E su Lukaku dice…

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:34

Icardi parla dell'Inter

Mauro Icardi ha rilasciato un’intervista esclusiva alla Gazzetta dello Sport, la prima da quando ha iniziato a vestire la maglia del Paris Saint Germain. Dopo i contrasti con la dirigenza dell’Inter, l’ex capitano nerazzurro ha trovato finalmente una nuova destinazione, che gli ha dato già le prime soddisfazioni.

In merito alle prime impressioni ha detto: “Giocare con Neymar, Mbappé e Cavani fa davvero piacere, perchè sono dei fuoriclasse. Con Edinson c’è concorrenza, non competizione. Nello spogliatoio si parla anche spagnolo e questo mi aiuta molto. Siamo una squadra che può puntare in alto”. 

Lukaku, prime critiche dopo l'arrivo all'Inter
Lukaku, prime critiche dopo l’arrivo all’Inter

Icardi difende Lukaku e sfida l’Inter

L’attaccante argentino all’Inter è stato sostituito da Romelu Lukaku, che dopo un inizio a razzo si è parzialmente spento. Il belga ha subito le prime critiche e Icardi l’ha difeso: “Non mi sembra che Lukaku stia vivendo un periodo di difficoltà. Anzi, mi pare abbia iniziato bene, segnando subito un paio di gol. Poi anche lui si è infortunato e magari questo ha sollevato le solite critiche, anche perchè Romelu rappresenta un investimento fortemente voluto dalla società e da Conte e deve dimostrare di essere all’altezza delle aspettative. Non è facile giocare in Italia, la Serie A è il campionato più difensivo d’Europa. Magari ha bisogno di più tempo per ambientarsi, ma è uno che ha segnato molto in carriera. Di gol ne farà ancora, capita a tutti attraversare un momento meno brillante, Poi quando riparti, non ti fermi più”. 

Icardi ha poi parlato dell’Inter, la squadra di cui è stato capitano e che ha lasciato contro voglia: Posso augurare sempre il meglio in ogni competizione. A Milano ho ancora tanti amici. L’Inter può vincere lo scudetto con un allenatore come Conte. Spetta ai giocatori continuare il lavoro che abbiamo iniziato per diminuire il gap con la Juventus, che rimane comunque al top. 

Su una possibile sfida contro i nerazzurri in Champions League però ha aggiunto: “La vivrò nel migliore dei modi. Se toccherà a me andare in campo, da professionista darò il massimo per difendere la mia nuova maglia“. 

Infine Icardi ha parlato del suo futuro: “Per quest’anno sono al PSG e il mio obiettivo è dare il massimo per questa maglia. Poi a fine campionato, verso maggio o giugno, vedremo che succede. E’ ancora presto per dire qualcosa“. 

Leggi anche -> Inter, infortunio Sanchez: frattura tendine caviglia, operazione in vista?