Kulusevski: “Non lascio Parma a gennaio. Io e Mbappé il futuro del calcio”

Kulusevski: "Non lascio Parma a gennaio. Io e Mbappé il futuro del calcio"
Kulusevski: “Non lascio Parma a gennaio. Io e Mbappé il futuro del calcio”

Il giovane centrocampista del Parma, Dejan Kulusevski, è tra le sorprese di questo campionato. In prestito dall’Atalanta, il giocatore classe 2000 è già oggetto del desiderio di molti grandi club. Oggi, in un’intervista a “Repubblica“, ha parlato anche del suo futuro: “L’Atalanta mi ha portato in Italia a 15 anni e mezzo dopo avermi visto in un torneo giovanile contro di loro. Io sapevo già che sarei diventato un calciatore forte, dovevo solo capire quanto”.

FUTURO“Non cambio squadra a gennaio perché ho bisogno di crescere qui, poi vedremo. Mi piacciono l’Italia e la Premier League inglese, ma alla fine decide l’Atalanta. Non penso molto al futuro altrimenti perdo la concentrazione. Conte mi vorrebbe subito all’Inter? Ho affrontato Juve e Inter, sono le migliori. Scudetto all’Inter? Presto per dirlo, ma perché no. Però io adesso rimango qui. Vivo da solo ma i miei genitori vengono almeno una volta al mese, a Parma ho tanti amici, sono felice, tutti credono in me, è un posto tranquillo e come saprete non si mangia mica male. D’Aversa è un grande allenatore”.

Kulusevski: "Non lascio Parma a gennaio. Io e Mbappé il futuro del calcio"

GLI IDOLI“Per me il più forte al mondo è Hazard, col pallone fa tutto quello che vorrei fare io. Da almeno tre anni lo preferisco anche a Messi e Cristiano Ronaldo. Tra i giovani il numero uno è Mbappé, una follia di giocatore, fuori dal mondo in tutto. Fisicamente è mostruoso, e ora anche tecnicamente: ogni tiro, un gol. Siamo la generazione che cambierà il calcio. Rispettosi, ma paura di niente: ormai la porta è aperta. Se Mbappé fa quelle cose, pensiamo, allora possiamo provarci anche noi. Adesso spacchiamo tutto. Tra gli italiani è fortissimo Castrovilli della Fiorentina, non sapevo neanche che esistesse”.

Leggi anche – Real Madrid su Mbappè, pronta offerta monstre per l’attaccante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *