Lapo Elkann rivela: “In coma per un incidente. Ora voglio stare bene”

Lapo Elkann si è ripreso dal coma
Lapo Elkann si è ripreso dal coma

“Sono stato in coma, ora voglio fare del bene”, è un uomo nuovo il Lapo Elkann che si racconta sul Corriere della Sera, l’imprenditore rivela di aver passato momenti difficili che l’hanno portato a riflettere sul senso della vita. L’importante è godersi quel che si ha, è arrivato a capirlo dopo uno stato di coma da cui si è ripreso brillantemente: “Ho compreso il mio nuovo motto di vita”, racconta.

Lapo Elkann, incidente d’auto a Tel Aviv: l’imprenditore è fuori pericolo

Ripartire da quanto di buono fatto, tra queste cose c’è anche la Juventus di cui ha avuto le redini per qualche tempo. Ora la segue da tifoso e anche da persona vicina, a livello societario, ai colori bianconeri: resta pur sempre il secondogenito di Margherita Agnelli e non da oggi è legato alla Vecchia Signora. Le macchine, tuttavia, sono il suo ambito adesso: è stato responsabile Brand Promotion di Fiat Group, continua ad essere nel consiglio d’amministrazione Ferrari ed azionista di maggioranza di Italian Independent Group.

In un certo qual modo, le macchine gli hanno dato tanto e parecchio gli stavano togliendo: l’incidente automobilistico che l’ha portato in stato comatoso è successo a Tel Aviv, dove l’imprenditore era in visita per ammirare il Muro del Pianto: da allora è passata una settimana, grazie a delle cure opportune avvenute in Svizzera che stanno proseguendo, Elkann è fuori pericolo e può guardare avanti. Ricominciare dalle proprie passioni: “Voglio ringraziare Dio di avermi dato la possibilità di ridarmi la vita”, ha dichiarato. Una nuova opportunità per non scendere a patti con i rimpianti, magari ripartendo proprio da quell’amore per il bianco e nero – scevro da sfumature – che prende il nome di Juventus. Recentemente sta offrendo, non solo a lui, più d’un motivo per tornare a sorridere.

Leggi anche –> La Juventus celebra Ronaldo: tweet divertente sul gol alla Sampdoria  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *