Iachini alla Fiorentina: tattica e possibile formazione. Come potrebbe giocare la Viola

Iachini alla Fiorentina. Come potrebbero giocare ora i Viola
Iachini alla Fiorentina. Come potrebbero giocare ora i Viola

Giuseppe Iachini, da ieri sera, è il nuovo allenatore della Fiorentina. L’ex centrocampista dei Viola ha ereditato la squadra da Vincenzo Montella e tenterà di rialzare l’umore della squadra. Il club del presidente Rocco Commisso è attualmente quindicesimo con 17 punti, solamente 3 in più del Brescia terz’ultimo.

Iachini sta iniziando a studiare le prime mosse per rinforzare la sua Fiorentina, che allenerà la prima volta il prossimo 29 dicembre. I giocatori si ritroveranno subito al centro sportivo per conoscere il nuovo tecnico e prepararsi in vista del ritorno in campo.

Iachini alla Fiorentina: possibile formazione dei Viola

Nel corso delle ultime esperienze con Palermo, Udinese e Brescia, Iachini ha sempre prediletto il 3-5-2 come modulo di partenza per le sue formazioni, lo stesso schema tattico utilizzato da Vincenzo Montella prima dell’esonero.

Il tecnico nato ad Ascoli potrebbe, almeno inizialmente, non stravolgere drasticamente la posizione in campo dei suoi nuovi giocatori. Iachini ritroverà Dragowski (già allenato all’Empoli) che confermerà tra i pali, e Lirola, incontrato nella sua breve esperienza al Sassuolo.

Proprio il terzino spagnolo rappresenta uno dei punti su cui potrebbe basarsi un cambiamento tattico del neo allenatore. Nel caso di difesa a tre, Lirola rimarrebbe largo a centrocampo, come già avvenuto dal’inizio del campionato, mentre in un possibile 4-3-1-2 il terzino scalerebbe in difesa accompagnando Caceres, Milenkovic e Pezzella.

Castrovilli, con Iachini possibile ruolo da trequartista
Castrovilli, con Iachini possibile ruolo da trequartista

A centrocampo potrebbe ritrovare un posto da titolare Marco Benassi. Iachini infatti, anche nella sua precedente avventura all’Empoli, ha puntato su giocatori rapidi e di movimento, a discapito di un mediano basso davanti alla difesa. Krunic, Bennacer e Acquah (o all’occorrenza Traorè) hanno impressionato lo scorso anno per il dinamismo in campo e lo stesso potrebbero fare proprio Benassi insieme a Pulgar e Castrovilli. Quest’ultimo, però, avrebbe anche la possibilità di avanzare come trequartista, giocandosi un posto con Boateng dietro le due punte. A quel punto sarebbe essenziale l’acquisto di un nuovo centrocampista: tra i nomi fatti c’è quello di Praet, che si posizionerebbe al centro del campo lasciando Benassi e Pulgar come mezz’ali e permettendo proprio a Castrovilli di avanzare.

Sia in caso di 3-5-2, che di ipotetico 4-3-1-2, l’attacco sarebbe composto da Chiesa e Vlahovic. Ribery farebbe rifiatare lo stesso Chiesa, o potrebbe spostarsi sulla fascia sinistra per ricoprire il ruolo di ala, trasformando il modulo in un 4-3-3. Uno schema tattico in cui si adatterebbe perfettamente Politano, uno dei nomi di mercato su cui punterebbero i Viola insieme a Zaza, Petagna e Cutrone.

La Fiorentina con Iachini, dunque, potrà modificare il proprio modulo a seconda delle partite e delle circostanze. Probabile che la prima scelta sarà comunque quella di confermare il 3-5-2, nella speranza di trovare un maggior equilibrio rispetto al recente passato.

Probabile formazione della Fiorentina con Iachini (3-5-2): Dragowski; Caceres, Pezzella, Milenkovic; Dalbert, Castrovilli, Badelj, Pulgar, Lirola; Vlahovic, Chiesa.

Leggi anche -> Iachini nuovo allenatore della Fiorentina, è ufficiale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *