Premier League, si gioca senza arbitri: la novità delle amichevoli

Le squadre di Premier League, prima di riprendere il campionato, potranno disputare delle amichevoli a patto di rispettare alcune particolari regole.

Premier League Amichevoli
Premier League (Getty Images)

La Premier League si avvicina al ritorno in campo, che dovrebbe avvenire tra due settimane (mercoledì 17 giugno). Si ripartirà, come in Serie A, dai recuperi per avere una classifica proporzionata e con lo stesso numero di partite. La grande novità è che in questi giorni di allenamento, da poco sono ripresi quelli collettivi, le squadre potranno già incontrarsi in gare amichevoli per prepararsi alla vera ripartenza.

Come riportato dal Telegraph, la Football Association ha accolto questa richiesta dei club inglesi, concedendo la possibilità di giocare tra di loro ma ad alcune condizioni. Le partite potranno organizzarsi nei centri sportivi e anche negli stadi, seguendo alcune importanti restrizioni di carattere sanitario.

Ti potrebbe anche interessare – FIFA 20, audio del videogioco nei match in tv: novità Premier League

Premier League, amichevoli prima della ripresa: le condizioni

Premier League
Premier League (Getty Images)

Le squadre di Premier League, prima di ricominciare a tutti gli effetti la stagione, potranno prepararsi attraverso delle amichevoli. Il permesso, riportato su tutti i media inglesi, dovrà rispettare alcune regole fondamentali tra cui l’assenza degli arbitri ufficiali. In questi test-match non potranno esserci i direttori di gara e, come nelle partitelle di allenamento, saranno gestite dallo staff delle due società.

Un’altra curiosità è il limite di 90 minuti imposto ai giocatori per raggiungere il campo con l’unica eccezione del Newcastle che è geograficamente lontana dalle altre città e dovrà compiere spostamenti più lunghi. Poi ovviamente potranno giocare solo i calciatori risultati negativi al Covid-19, che dovranno viaggiare con le proprie auto e possibilmente già vestiti per evitare di cambiarsi negli spogliatoi comuni.

Leggi anche – Premier League, polemiche sui cambi: la richiesta esagerata del Chelsea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *