Premier League, la ripresa: via libera alle 5 sostituzioni

La Premier League accoglie la proposta dell’IFAB e dà il via libera alla modifica temporanea del numero delle sostituzioni. Non saranno più 3, ma 5

Premier League, la ripresa: via libera alle 5 sostituzioni (Getty Images)
Premier League, la ripresa: via libera alle 5 sostituzioni (Getty Images)

Come la Serie A, anche la Premier League si prepara a ripartire. Dopo aver dato il via libera agli allenamenti collettivi, la scorsa settimana i 20 club inglesi hanno trovato anche l’intesa sulla data per la ripresa del campionato. La Premier League, dunque, ripartirà mercoledì 17 giugno. E lo farà con due recuperi: Manchester City-Arsenal e Aston Villa-Scheffield United (entrambe rinviate per disputare la finale di Carabao Cup tra Citizens e Villans). Ma non è tutto. Come si legge sul sito ufficiale della Premier League, le società hanno dato il via libera all’approvazione della modifica del regolamento, nella parte dedicata alle sostituzioni. Dopo la Bundesliga, infatti, anche il massimo campionato inglese aumenterà il numero di sostituzioni concesse, passando da tre a cinque.

Leggi anche -> Premier League, si gioca senza arbitri: la novità delle amichevoli

Premier League, aumenta il numero di sostituzioni

Premier League Amichevoli
Premier League (Getty Images)

Qualche settimana fa l’IFAB (International Football Association Board), su spinta della FIFA, ha approvato una modifica temporanea della Legge 3, che consentirà di aumentare il numero delle sostituzioni da tre a cinque. Una soluzione, questa, che il massimo organo calcistico internazionale ha ritenuto necessaria visto l’alto numero di partite che le squadre dovranno affrontare nei prossimi mesi. Tuttavia, l’IFAB ha precisato che, per evitare eventuali perdite di tempo, ogni squadra potrà compiere le 5 sostituzioni in soli tre slot.

Leggi anche -> Premier League, rivoluzione tv: ufficiale la prima partita in chiaro

L’incremento del numero delle sostituzioni sarà una misura che farà felici tutti i club, tranne il… Chelsea. Secondo quanto riferito dal Daily Star, infatti, i Blues avrebbero preteso almeno 9 cambi. Decisamente troppi. La richiesta del club londinese, come ci si poteva immaginare, è rimasta inascoltata. Dal 17 giugno, dunque, gli allenatori dei club inglesi potranno compiere cinque sostituzioni anziché tre, potendo così gestire al meglio le fatiche dei propri calciatori. Ma c’è di più. La Premier League, infatti, ha dato il via anche all’aumento del numero dei giocatori presenti in panchina: non saranno più 7, ma 9.

Leggi anche -> Premier League, polemiche sui cambi: la richiesta esagerata del Chelsea

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *