Cristiano Ronaldo ripreso da Mourinho: “Quasi piangeva”, ricorda Modric

Nell’autobiografia di Luka Modric spunta un curioso episodio, risalente ai tempi del Real Madrid, che fece quasi piangere Cristiano Ronaldo.

Cristiano Ronaldo Mourinho
Cristiano Ronaldo (Getty Images)

Dopo le polemiche alzate dalle anticipazioni del libro di Giorgio Chiellini, escono particolari racconti anche dell’autobiografia di Luka Modric. Nelle pagine di “A modo mio”, il centrocampista croato rivela un curioso retroscena su Cristiano Ronaldo, in una occasione, ai tempi del Real Madrid, si mise quasi a piangere nello spogliatoio. Il fatto risale alla stagione 2013, quando sulla panchina dei Blancos sedeva un certo Josè Mourinho, connazionale del fenomeno della Juventus.

Il loro rapporto non era cattivo, ma un giorno in una partita di Coppa del Re il tecnico portoghese alzò la voce e riuscì a intimorire persino CR7, colpevole di non essere tornato a difendere in un’azione. Al momento del duro richiamo le Merengues conducevano 2-0 e i due iniziarono quasi a litigare in campo. Il Pallone d’Oro 2018 racconta che, tornati nello spogliatoio durante l’intervallo, Ronaldo era quasi in lacrime per le grida del suo allenatore: “Faccio del mio meglio e lui continua a criticarmi”, disse alla squadra.

Ti potrebbe anche interessare – Cristiano Ronaldo “alza i tacchi”: la trovata per correre di più

Cristiano Ronaldo in lacrime: il racconto della lite con Mourinho

Modric Real Madrid
Mourinho e Ronaldo (Getty Images)

L’accesa discussione tra Mourinho e Cristiano Ronaldo colpì molto Luka Modric, tanto da riportarlo nella sua autobiografia. Molti allenatori infatti hanno quasi “timore” di riprendere la stella portoghese, non lo Special One che non guarda in faccia nessuno.

In quell’occasione la sua reazione continuò nello spogliatoio, dove sfogò tutta la rabbia nei confronti di CR7 considerato “irresponsabile in quella partita”. Il confronto a parole rischiò di arrivare addirittura alle mani, provvidenziale l’intervento dei compagni che riuscirono a calmare la situazione.

Leggi anche – Mourinho racconta: “Triplete, ritorno all’Inter, Guardiola e il giocatore simbolo”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *