UEFA, Ceferin scrive ad Aulas: nessuna proroga per la Ligue 1

Aleksander Ceferin, presidente della UEFA, ha bocciato la proposta del suo collega del Lione, Jean-Michel Aulas, riguardo a un nuovo termine dei campionati.

Ceferin Lione
Aleksander Ceferin (Getty Images)

La UEFA tira dritto per la sua strada e non intende aspettare i ritardatari. E’ il caso della Ligue 1 che, dopo la sospensione definitiva del 30 aprile, avrebbe cambiato idea e vorrebbe ripartire come tutti gli altri campionati. In prima linea c’è il Lione, escluso dalla prossima Champions League perché al momento della chiusura si trovava al 7°posto in classifica. Una vera ingiustizia per il presidente Jean-Michel Aulas che ha chiesto al governo francese di tornare sui suoi passi e allinearsi alle altre federazioni.

All’inizio di settimana prossima dovrebbe arrivare una risposta (lunedì o martedì), ma intanto la UEFA complica i piani del calcio francese. Il presidente Aleksander Ceferin infatti, secondo quanto riportato dall’ANSA, avrebbe già inviato una lettera al suo collega Aulas in cui conferma l’ultimo termine per le liste europee (ovvero per la fine della stagione). La data comunicata rimane quella del 3 agosto, senza possibilità di proroga.

Ti potrebbe anche interessare – Lione, Aulas non demorde: l’iniziativa per la ripresa della Ligue 1

Ligue 1, ripresa in salita: la UEFA conferma la data limite

Ceferin Aulas
Aulas Lione (Getty Images)

In caso di ripartenza la Ligue 1, adesso in una posizione molto scomoda e di ritardo, non riuscirebbe a concludere il campionato entro inizio agosto e vorrebbe posticipare questa scadenza. Al momento la UEFA ha fatto sapere che non sarà possibile trattare i termini della fine dei campionati, nonostante nelle settimane precedenti la posizione sembrava più morbida.

Negli ultimi giorni però Aleksander Ceferin, rassicurato dalla ripresa ufficiale dei maggiori campionati (come Serie A, Premier League e Liga) non pensa sia più necessario considerare un altro slittamento, a maggior ragione soltanto per la Francia. Una posizione definitiva che dovrebbe diventare ufficiale il 17 giugno, il giorno del Comitato esecutivo in cui si deciderà anche come terminare la Champions e l’Europa League di quest’anno dove per altro il Lione è ancora in corsa e dovrà giocarsi l’ottavo di ritorno contro la Juventus, battuta 1-0 all’andata.

Leggi anche – UEFA, avvertimento ai club: le conseguenze per chi non paga gli stipendi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *