D’Aversa positivo al Coronavirus. Decisivo il test sierologico

L’allenatore del Parma Roberto D’Aversa racconta la sua esperienza con il Coronavirus: “Ho avuto la malattia, perché me ne sono accorto dal test sierologico”. Il tecnico dei ducali non è il primo allenatore contagiato in Serie A

D'Aversa positivo al Coronavirus. Decisivo il test sierologico
D’Aversa positivo al Coronavirus. Decisivo il test sierologico (Getty Images)

Non solo Gian Piero Gasperini e Beppe Iachini: un altro allenatore di Serie A ha rivelato di aver contratto il Covid-19. Si tratta di Roberto D’Aversa, tecnico del Parma: “Ho avuto paura – ha raccontato a ParmaToday – ho scoperto la positività al Coronavirus solo a posteriori. Ho avuto un po’ di febbre dopo la partita contro la Spal (giocata l’8 marzo, ndr) ma niente di grave, non mi sentivo male. Non l’abbiamo scoperto prima perché non abbiamo fatto i tamponi, e quindi non potevo sapere di aver preso il virus oppure no. I miei sintomi sono stati leggeri, ho avuto 37 di febbre: è una cosa che mi capita spesso”.

Ti potrebbe interessare anche – Fiorentina, Iachini è stato positivo al Covid-19: le parole di Commisso

Parma D’Aversa: “Ho preso il Covid durante la partita contro la Spal”

Parma D'Aversa: "Ho preso il Covid durante la partita contro la Spal"
Parma D’Aversa: “Ho preso il Covid durante la partita contro la Spal” (Getty Images)

Poi D’Aversa spiega come ha vissuto il periodo di quarantena: “La gestione del Parma è stata ottimale, il dottore ci ha seguito e noi tutti siamo stati attenti e responsabili – ha spiegato l’allenatore – sono stato con la mia famiglia, cosa che mi fa sempre piacere. Con l’attività di allenatore oggi e di calciatore non riuscivo a dedicarci così tanto tempo”. Il Parma, intanto, si prepara al ritorno in campo: il 20 giugno contro il Torino: “Ho sensazioni positive – ha concluso – stiamo lavorando per poter recuperare. Ricominciare a parlare di calcio rende tutto molto migliore”.

Leggi anche – Coronavirus, l’ultima di Bolsonaro: “I calciatori non rischiano di morire”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *