Rissa a Milano: arrestato un 21enne, figlio di capo ultras Inter

Un arresto a Milano per la rissa scoppiata più di 24 ore fa, durante una serata della movida. Un ragazzo di 21 anni è finito in manette come presunto aggressore di un coetaneo accoltellato. E’ il figlio di un capo ultras dell’Inter

Rissa a Milano, arrestato un 21 enne, figlio di capo ultras Inter
Rissa a Milano, arrestato un 21 enne, figlio di capo ultras Inter (Getty Images)

E’ finito in manette un ragazzo di 21 anni, arrestato questa notte dai carabinieri del nucleo operativo della Compagnia Duomo a Milano. Nel mirino eventuali responsabilità, da accertare, nella rissa avvenuta in zona Garibaldi, uno dei luoghi simbolo della movida milanese. Il giovane presunto responsabile dell’accoltellamento di un 24enne è il figlio di un noto capo ultras dell’Inter, Franco Caravita. Secondo gli investigatori l’arrestato sarebbe coinvolto a pieno nei fatti accaduti più di 24 ore fa. La vittima è attualmente ricoverata in ospedale in condizioni gravi.

Ti potrebbe interessare anche – Ultras a Roma, scontri con la Polizia: arresti e fermi. Indagini in corso

Accoltellato a Milano, in manette 21enne per tentato omicidio

Rissa nella movida di Milano, arrestato un 21enne per tentato omicidio
Rissa nella movida di Milano, arrestato un 21enne per tentato omicidio (Getty Images)

I militari dell’Arma hanno acquisito i filmati delle telecamere di sorveglianza del quartiere, sono stati sentiti alcuni testimoni. Ad incastrare il ragazzo anche un coltello a serramanico riconducibile a quello utilizzato nella contesa, trovato durante la perquisizione nella sua abitazione dai carabinieri. Rinvenuti anche alcuni abiti ancora sporchi di sangue. Il giovane arrestato ha precedenti per per reati simili, ed è accusato di tentato omicidio aggravato, lesioni personali aggravate e porto ingiustificato di oggetti pericolosi. Il ragazzo, figlio del capo tifoso interista, è ora recluso nel carcere milanese di San Vittore.

Leggi anche – Calcio, ultras di tutta Europa uniti: “Stop alla ripresa dei campionati”