Sergio Sylvestre e la gaffe dell’inno: “Non mi sono dimenticato le parole”

Sergio Sylvestre, attraverso il suo profilo Instagram, ha provato a giustificare la sua criticata esecuzione dell’inno di Mameli intonato prima della finale di Coppa Italia.

Sergio Sylvestre Coppa Italia
Sergio Sylvestre Coppa Italia (Getty Images)

Il Napoli ha portato casa la Coppa Italia, vincendo la finale ai calci di rigore contro la Juventus. La partita non è stata l’unica occasione di discussione sui social network, che si erano già scatenati per un curioso episodio prima del fischio d’inizio. Una gaffe in mondo visione di Sergio Sylvestre che, durante l’inno di Mameli, si è dimenticato le parole, bloccandosi e poi riprendendo a cantare. Un errore ingiustificabile per i tantissimi “haters” che hanno pesantemente criticato la sua esecuzione.

Leggi anche – “Tifosi del Napoli sciagurati”, il prof Guerra condanna le feste per Coppa Italia

Coppa Italia, Sergio Sylvestre spiega cosa è accaduto sui social

Sergio Sylvestre Gaffe
Sergio Sylvestre (Getty Images)

Dopo le accuse ricevute, il 27enne cantante americano ha provato a scusarsi sulla sua pagina Instagram. Un video-messaggio in cui spiega le emozioni provate pochi istanti prima, quando è dovuto salire sul palco e cantare l’inno d’Italia in uno stadio a porte chiuse. La strana atmosfera che lo circondava sarebbe stato il vero motivo dello suo scivolone: “E’ stata una cosa incredibile, non sono mai emozionato così tanto in vita mia. Non mi sono dimenticato le parole, mi sono bloccato perché ho provato tristezza sentendo l’eco dello stadio vuoto. Sono una persona molto sensibile e queste cose mi toccano profondamente”. Le forti emozioni gli hanno giocato un brutto scherzo e la piccola incertezza è comprensibile nel silenzio assordante dell’Olimpico.

Ti potrebbe anche interessare – Sergio Sylvestre stecca sull’Inno d’Italia, social impietosi – Video

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *