Juventus, campo d’allenamento prestato alla Roma: il motivo del gesto

Nei prossimi giorni la Roma si allenerà all’interno del centro sportivo di Vinovo, concesso in prestito dalla Juventus per le partite contro Torino e gli stessi bianconeri.

Roma Juventus
Roma (Getty Images)

Negli ultimi giorni di campionato la Roma si stabilirà a Torino, senza tornare nella capitale. I giallorossi sono riusciti a farsi prestare l’ex campo di allenamento della Juventus. Un gesto solidale dei campioni d’Italia che, ormai con lo scudetto in tasca, si sono resi disponibili a offrire il centro sportivo di Vinovo agli avversari dell’ultima giornata. Prima della sfida dell’Allianz Stadium, la squadra di Fonseca giocherà anche domani nel capoluogo piemontese contro il Torino.

Una doppia partita di fila, nella stessa città, che ha fatto pensare a questa soluzione. La Roma non si sposterà fino a sabato, preparando il big-match giovedì e venerdì nell’ex quartiere generale dei bianconeri. Da due anni infatti la base di Vinovo è utilizzata soltanto dalla selezione Under 23, che partecipa alla Serie C, e dalla squadra femminile. La prima squadra si è trasferita alla Continassa e non incrocerà i prossimi rivali.

Ti potrebbe anche interessare – Roma, operato Pellegrini: le condizioni e i tempi di recupero

La Roma non tornerà nella capitale: si allenerà a Vinovo

Roma Vinovo
Fonseca e Sarri (Getty Images)

La Juventus porge la mano alla Roma, facendole evitare un inutile e doppio viaggio dalla capitale. I giallorossi chiuderanno la Serie A, giocando in trasferta con il Torino e gli stessi bianconeri senza dover spostarsi dalla città. La squadra di Fonseca arriverà domani e farà un mini-ritiro a Vinovo per affrontare le ultime fatiche del campionato, decisive per consolidare il 5°posto in classifica ed evitare i fastidiosi preliminari di Europa League. Un gesto solidale che conferma gli ottimi rapporti tra le due società, protagoniste in passato anche di alcuni scambi di mercato.

Leggi anche – Calciomercato Juventus, possibile ritorno in attacco: l’indiscrezione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *