Roma, Petrachi contro Pallotta: “Solo contro tutti, farò valere le mie ragioni”

L’ex direttore sportivo della Roma Gianluca Petrachi è tornato a parlare dopo il suo licenziamento: ecco i motivi della sua delusione nei confronti della proprietà. 

Quest’estate la Roma ha licenziato il suo direttore sportivo Gianluca Petrachi. L’ex dirigente, dopo un paio di mesi, ha reso noto tramite una lettera all’Ansa i motivi per il quale ha dovuto lasciare il club: “Prima di parlare ho atteso per via di tanti eventi traumatici e ingiusti che ho vissuti. Dalla sospensione, passando per l’esonero e infine il licenziamento. Con i miei avvocati farò valere le mie ragioni – spiega Petrachi – Ho pagato l’eccesso di fedeltà verso una proprietà che ha creduto fortemente in me e nel progetto che aveva alcuni obiettivi da raggiungere: rendere la Roma più giovane. E fino a gennaio ho lavorato in modo efficace.  Purtroppo pero’, quando ho tentato di alzare un muro, per difendere il gruppo, mi sono ritrovato solo contro tutti“.

Potrebbe interessarti anche >>> Roma, Friedkin rilancia: “Sì al nuovo stadio, così torna grande la Serie A”

Roma, Petrachi: “Pallotta lontano dal club, dalla città e dai tifosi. Volevo eliminare certi elementi”

Petrachi Inter
Gianluca Petrachi (Getty Images)

Gianluca afferma di essersi ritrovato isolato dalla proprietà: “Una società lontana da Roma, dal club e dai tifosi. Ho provato a combattere solo contro tutti, ma da soli non si vincono le battaglie“. A questo punto, ecco che Petrachi spiega cosa avrebbe chiesto a Pallotta: “Volevo allontanare quegli elementi che minavano l’equilibrio all’interno dello spogliatoio. Gli stessi che  hanno inventato il litigio tra me e Dzeko, quelli che hanno reso pubblico l’esperimento della difesa a tre di Fonseca, o ancora quelli che hanno riportato pubblicamente l’infortunio di Pellegrini“.

Quando poi Pallotta ha portato avanti il suo ridimensionamento – conclude l’ex dirigente – ho capito che il progetto affidatomi non poteva esser realizzato. Ho pagato un conto esagerato solo per aver difeso gli interessi della Roma. Posso dire però che resterò orgoglioso del lavoro svolto fino ad oggi nella mia carriera e anche nel club giallorosso“.

Potrebbe interessarti anche >>> Calciomercato Roma, possibile scambio di terzini con la Fiorentina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *