Chiesa alla Juventus: cosa manca per chiudere l’affare

Federico Chiesa e la Juventus sono più vicini, ma ancora non possono incontrarsi. I bianconeri continuano a trattare con la Fiorentina che chiede 60 milioni. Dieci subito e il resto successivamente: si lavora, infatti, al prestito con diritto – che diventa obbligo – di riscatto. Prima servono le cessioni di Rugani più uno fra De Sciglio e Douglas Costa.

Federico Chiesa vede la Juventus. Le possibilità che il ragazzo possa approdare in bianconero aumentano: l’attaccante vuole fare il salto di qualità in una big, possibilmente alla “Vecchia Signora”, Commisso è pronto ad accontentarlo ma non fa sconti. Prestito con diritto (che diventa obbligo) di riscatto per un totale di 60 milioni di euro: 10 subito e il resto al momento del riscatto.

Leggi anche – Nainggolan al Cagliari, accelerata decisiva: accordo su prezzo e formula

Chiesa alla Juventus: cosa manca per chiudere la trattativa con la Fiorentina

Chiesa alla Juventus, l'affare potrebbe sbloccarsi (Getty Images)
Chiesa alla Juventus, l’affare potrebbe sbloccarsi (Getty Images)

I bianconeri vedono di buon occhio la soluzione ma prendono tempo, attesa che serve a piazzare uno fra Rugani (si registra un forte interessamento del Rennes), De Sciglio e Douglas Costa altrove. Riuscendo a cedere qualche pedina, il tesoretto di 10 milioni arriverebbe e potrebbe essere girato immediatamente ai viola. Al momento, quindi, i discorsi interlocutori fra le parti proseguono ma l’affare non si sblocca in attesa dei liquidi.

Chiesa, comunque, ha le valigie pronte: resta da capire soltanto quando partirà, in quel momento la Fiorentina – forte anche di una parte d’incasso dalla cessione importante – punterà tutto su Josè Maria Callejon. Profilo più adatto, secondo Iachini e Commisso, per sostituire il centravanti partente. Le strategie ci sono tutte, manca una chiosa degna di questi intrecci di mercato che potrebbe arrivare a stretto giro. C’è tempo ancora qualche giorno, vedremo se basterà.

Leggi anche – UEFA, torna il pubblico negli stadi: le regole per i match a porte aperte

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *