Inter-Borussia M’Gladbach, Conte deluso: “A testa alta, ma si può migliorare”

L’Inter soffre e pareggia contro il Borussia M’Gladbach, 2-2 in extremis trovato da Romelu Lukaku (che fa doppietta). Conte tira un sospiro di sollievo, ma che fatica. Le parole del tecnico nerazzurro nel post partita.

Inter, Lukaku evita la sconfitta: solo un pari per Conte (Getty Images)
Inter, Lukaku evita la sconfitta: solo un pari per Conte (Getty Images)

L’Inter rischia di scivolare all’esordio nell’edizione della Champions League di quest’anno, i nerazzurri pareggiano 2-2 in extremis contro il Borussia Moenchengladbach. Lukaku trova il gol della pariglia al 90esimo, ma la squadra di Conte ha sofferto più del dovuto: 9 gol subiti in 5 partite sono troppi per le ambizioni e le aspettative del club nerazzurro. Le parole di Antonio Conte a fine gara:

È stata una partita combattuta, ma Eriksen è sembrato più incisivo. Quant’è difficile giocare con lo spauracchio del COVID-19?

“Penso che come tutta la squadra ha fatto una buona partita con impegno e applicazione, gli abbiamo chiesto di essere più incisivo anche in fase di non possesso ma come tutti i ragazzi. Per il resto dobbiamo concentrarci sul campo per fare il massimo, senza pensare al Covid e alle altre incognite. Non è semplice ricevere certe notizie, Hakimi si era allenato, ma certe situazioni si affrontano a testa alta. I ragazzi hanno dimostrato di essere uomini prima ancora che calciatori”.

Leggi anche – Champions League: poker Bayern Monaco, ok Liverpool e Manchester City

Inter-Borussia MGladbach, Conte “assolve” Eriksen: “Stasera più incisivo del solito”

Inter, Conte mastica amaro dopo il pareggio in Champions League (Getty Images)
Inter, Conte mastica amaro dopo il pareggio in Champions League (Getty Images)

C’è differenza fra il debutto dell’anno scorso e quello di quest’anno?

“Penso non si possa paragonare la partita di quest’anno con l’anno scorso, oggi giocata meglio. La squadra avversaria ha potenziale eppure la partita l’abbiamo fatta noi, non rimproverò nulla ai ragazzi, ma si può migliorare. Dobbiamo essere bravi ad evolverci”.

Il calo nell’ultimo quarto d’ora era dovuto, forse, alla stanchezza: si poteva fare qualcosa in più con i cambi giusti?

“Sì, sinceramente penso che oggi dalla panchina potevamo fare poco. Eravamo contati, Sanchez resta da valutare, bisogna interpretarlo e capire. Vedremo la situazione che ha, poi eravamo rimaneggiati per diversi motivi”.

Leggi anche – Champions League, highlights Inter-Borussia M’Gladbach: gol e sintesi – Video

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *