Juventus, Pirlo: “C’è qualcuno che insiste, io continuo con le mie scelte”

Le parole di Andrea Pirlo dopo il 3-0 della Juventus sulla Dinamo Kiev, nella 5.a giornata dei gironi di Champions League: la sua intervista post-partita a Sky Sport.

La Juventus, dopo il passo falso con il Benevento, ritrova Cristiano Ronaldo e la vittoria in Champions League. Finisce 3-0 contro la Dinamo Kiev la 5.a giornata della fase a gironi che tiene ancora aperta una minima speranza di primo posto. Non sarà facile andare a vincere a Barcellona, con un risultato migliore del 2-0 ma l’importante era ritrovare serenità dopo alcuni risultati negativi e le prime critiche di inizio stagione.

Tra l’altro stasera si festeggia il primo gol di Chiesa in bianconero, il decimo stagionale di Morata e la storica firma di CR7, arrivato a 750 reti in carriera. In generale, a parte le gioie personali, sono arrivate buone indicazioni da tutta la squadra come afferma Andrea Pirlo nell’intervista post-partita rilasciata ai microfoni di “Sky Sport”: di seguito le sue dichiarazioni.

Ti potrebbe anche interessare – Juventus-Dinamo Kiev 3-0: Chiesa si sblocca, Ronaldo e Morata da record

Pirlo continua l’attacco: “Ho sentito troppe critiche, so che devo migliorare”

Pirlo Champions League
Pirlo Juventus (Getty Images)

Sulla partita: “Non si può avere sempre la palla, è normale soffrire. Non ho mai visto una squadra avere il predominio per 90 minuti, capita di doversi difendere per qualche minuto in Champions League. Sono soddisfatto dell’approccio mentale”.

Sulle critiche: “Era una battuta, vedevo che qualcuno continuava a insistere su alcune cose. Io vado avanti per la mia strada, sono giovane e so che devo migliorare”.

Sulle motivazioni: “Non dobbiamo accontentarci anche se siamo già qualificati, serviva una buona prestazione per la crescita della squadra, ora penseremo al derby e poi al Barcellona. Questa partita è un segnale positivo per noi stessi”.

Su Morata: “Lo conosciamo bene, ha avuto un percorso di crescita, quando è arrivato alla Juve non giocava tutte le partite come i ragazzi giovani che sono arrivati quest’anno. Ora è più maturo dopo le esperienze all’estero, qua si sente a casa. Lo volevamo a tutti i costi e siamo felice di lui”.

Sul Barcellona: “Mi sento pronto, erano le partite più facili da giocare e spero siano le più facili anche da preparare. Sono grandi sfide che possono svoltarti la stagione, a livello di autostima”.

Leggi anche – Champions League, highlights Juventus-Dinamo Kiev: gol e sintesi – Video

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *