Calciomercato Milan chi potrebbe essere il vice Ibrahimovic: ipotesi e scenari

Calciomercato Milan. Procede la ricerca del vice Ibrahimovic. Tutti i nomi associati ai rossoneri, da Scamacca a Nzola, da Jovic ad Antiste. Le caratteristiche e gli scenari

Anche senza Ibrahimovic, il Milan ha dimostrato di poter funzionare bene. Ma un vice dello svedese potrebbe diventare un atout decisivo nella seconda parte di stagione per concretizzare crescenti ambizioni in Italia e in Europa. Certo, non è semplice individuare come e con chi sostituire un centro di gravità come Ibra che ha segnato finora dieci gol su 13 tiri in porta e 31 complessivi in stagione. Se dovesse mantenere questa media, il rapporto fra reti segnate e tiri in porta tentati sarebbe il migliore di tutta la sua carriera.

Lo svedese mantiene una media di 5,28 conclusioni ogni novanta minuti, la sua più alta dal 2016, la più elevata in campionato quest’anno. Tira 2,2 volte nello specchio di media: per ritrovare una frequenza maggiore al termine di una stagione bisogna tornare alla sua ultima stagione con il Paris Saint-Germain, il 2015-16. La sua efficacia offensiva emerge anche da un particolare indicatore elaborato da Stats Bomb: gli ecpected goals calcolati senza considerare i rigori. In questa stagione, senza considerare i tiri dal dischetto, ogni sua conclusione ha il 14% di probabilità di trasformarsi in gol. Nei 90 minuti, le probabilità di Ibra di segnare non dal dischetto salgono al 74%, la terza più alta in Serie A dopo Romelu Lukaku (84%) e Edin Dzeko (75%).

Leggi anche – Milan, Ibrahimovic è impaziente: contro la Juventus vuole esserci

Calciomercato Milan, Scamacca e Jovic tra i possibili vice-Ibrahimovic

Calciomercato Milan, Scamacca e Jovic tra i possibili vice-Ibrahimovic
Calciomercato Milan, Scamacca e Jovic tra i possibili vice-Ibrahimovic

Tra i nomi accostati al Milan, che intorno a Ibrahimovic sta costruendo una squadra giovane e di prospettiva, c’è Gianluca Scamacca, in prestito al Sassuolo dal Genoa. In rossoblù ha segnato sei gol in 13 partite con Maran tra Coppa Italia e campionato, e giocato sedici minuti contro lo Spezia alla prima del Ballardini-quater. Indubbiamente, il Sassuolo non ha intenzione di svendere il centravanti che oggi potrebbe valere tra i 20 e i 25 milioni.

Secondo le indiscrezioni che arrivano dai media serbi, il Milan potrebbe anche farsi avanti per Luka Jovic che sta facendo molta fatica al Real Madrid. Se si considera solo il rendimento in campionato, Scamacca ha dalla sua le due reti segnate rispetto al serbo ancora a secco nella Liga. Il minutaggio superiore spiega anche il bilancio di 0,5 tiri in porta per novanta minuti contro lo 0,13 del serbo. Jovic, però, ha contribuito quasi allo stesso numero di quelle che Stats Perform definisce grandi opportunità (0,50 a 0,57) e ha una media più alta di expected goals a partita, 0,29 contro 0,25.

Più difficile che il profilo individuato possa corrispondere a Mario Mandzukic. Il croato è libero, ma il suo sarebbe un ingaggio oneroso per un giocatore fermo da tanto tempo. Più interessante la pista che porta a uno tra Fernando Llorente e Arkadiusz Milik.

Milik è un finalizzatore d’area meno associativo, Llorente potrebbe consentire di giostrare anche diversamente gli elementi offensivi della squadra, consentendo più spazi e responsabilità a Leao, Hauge o allo stesso Rebic che potrebbe di nuovo partire più largo e tagliare dentro sfruttando i movimenti di Llorente che attira i difensori fuori posizione.

Leggi anche – Calciomercato Milan, scelto il nuovo difensore: c’è già l’accordo economico

Cresce l’interesse per Nzola e Antiste

Nelle ultime settimane, sembra cresciuto l’interesse anche verso il diciottenne Janis Antiste, centravanti del Tolosa che ha segnato sei gol in 15 presenze di cui sette da titolare. Spesso si è trattato di gol significativi: una rete decisiva per la vittoria, due sono valsi il pareggio, uno ha sbloccato il risultato.

E’ un attaccante versatile, con una spiccata velocità di pensiero e di esecuzione. Agile e scattante, si eleva e si smarca bene. E’ una punta elegante, che può imporre il cambio di passo alla manovra della squadra. Tira in media 2.1 volte a partita, di cui 1.2 nello specchio della porta, completa 0.8 dribbling, 1.8 cross e 19.5 passaggi ogni novanta minuti di cui 9 negli ultimi trenta metri. Utile in fase di pressing, 2.9 palloni recuperati ogni 90 minuti, Antiste può ancora strutturarsi dal punto di vista fisico. Non a caso vince solo 5,3 duelli sui 16 tentati di media per 90 minuti.

Infine, si parla con sempre più insistenza di Nzola, rivelazione dello Spezia che ha segnato sei gol e servito due assist finora in stagione. In ogni caso, Lorenzo Colombo sembra destinato a partire in prestito, per far spazio al nuovo vice-Ibra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *