Moviola Juventus-Udinese, gol annullati a De Paul e Ramsey: l’analisi

Juventus-Udinese inizia subito con un caso da moviola: il gol annullato al 9′ a De Paul. L’analisi dell’episodio

La Juventus trema dopo pochi minuti nella sfida contro l’Udinese. Dopo 9′ infatti, i friulani passano in vantaggio con un gol di De Paul, l’uomo più atteso tra gli ospiti che piace tanto a Juventus e Inter. Il centrocampista, responsabile della maggior quota di tiri tra i compagni di squadra, sblocca la partita: è bravo a bruciare nello scatto De Ligt e a servire Lasagna che gliela restituisce di destro. Favorisce così la deviazione vincente che batte Szczesny.

L’arbitro però viene richiamato dal VAR per rivedere l’inizio dell’azione.

Leggi anche – De Paul, l’Udinese allontana le big: Marino fa chiarezza

Moviola Juventus-Udinese, la decisione su de Paul

Quello che l’arbitro individua è un tocco di braccio di De Paul nel momento in cui ha aggirato Bentancur, proprio nella fase embrionale dell’azione. Il tocco in questione, dunque, non ha portato direttamente al gol, né è stato strumentale alla creazione di un’occasione da rete, perché eravamo ancora lontani dalla porta.

Escluse queste due ipotesi, considerando le infrazioni indicate nel regolamento, si può concludere che l’arbitro abbia ritenuto intenzionale il tocco di De Paul che porta il braccio verso il pallone dopo aver preso posizione con il corpo davanti all’avversario.

Si deve infatti escludere anche l’ipotesi del fallo fischiato per la posizione innaturale delle braccia rispetto al corpo, visto il particolare tipo di movimento. Inoltre, non sono nemmeno sopra l’altezza delle spalle.

Leggi anche – Moviola Juventus-Udinese, gol annullato a De Paul: l’analisi – Foto

Il gol annullato a Ramsey

Nel secondo tempo, la Juve raddoppia con Chiesa e segnerebbe anche il 3-0 con Ramsey. Il gallese riceve in profondità da Chiesa, si allunga verso il pallone sull’uscita di Musso che lo ferma in un primo tempo. In un secondo, Ramsey segna, ma l’arbitro viene richiamato allo schermo per la on-field review.

Le immagini rivelano che, quando è a terra, dopo la scivolata verso il portiere, sul rimpallo, tocca con il braccio. Il tocco è leggero, anche in questo caso si può ritenere che la posizione del braccio dopo la scivolata non sia coerente con la dinamica, ma risulti innaturale portando così Ramsey ad aumentare lo spazio occupato dal corpo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *