Icardi, il PSG punta un altro argentino: Mauro vuole la Serie A

Mauro Icardi potrebbe lasciare ben presto la Francia: troppi infortuni in questa stagione, l’attaccante del PSG starebbe valutando il ritorno in Serie A. E intanto il club parigino punta un altro centravanti argentino.

Una stagione costernata da infortuni e problemi. Mauro Icardi è fermo ai box da inizio dicembre, ma in stagione ha accumulato appena 5 presenze in 353 minuti, l’equivalente di 4 partite. L’attaccante del PSG è stato vittima del Covid ad inizio campionato, poi si è dovuto fermare a causa di un infortunio al ginocchio e attualmente sta facendo i conti con dei problemi all’adduttore.

Nel frattempo, il club parigino ha avuto la possibilità di lanciare Moise Kean, in prestito dall’Everton. Ma grazie ai suoi gol, l’assenza di Icardi non sta pesando più di tanto. E infatti, l’argentino potrebbe partire presto e lasciare la Francia.

Potrebbe interessarti anche >>>  PSG, Icardi può lasciare: Kane scelto come sostituto. Tutti i dettagli

Icardi, dalla Francia: “Preferirebbe tornare in Serie A”

Icardi Tuchel
Mauro Icardi (Getty Images)

Il PSG starebbe sondando il terreno per Sergio Aguero, attualmente al Manchester City. Quest’operazione di mercato può essere concretizzata solo se uno come Mauro Icardi lasciasse Parigi, vista la concorrenza offensiva. E all’ex attaccante dell’ Inter non dispiacerebbe lasciare la Francia. Infatti, secondo quanto riportato dall’agente Bruno Setin, ex procuratore di Koulibaly, ai microfoni di Canal +, il centravanti del Paris Saint- Germain può ritornare in Italia: “Se ne avesse le possibilità, gli piacerebbe tornare in Serie A“.

Potrebbe interessarti anche >>> Icardi, l’ex Inter per il dopo Ibrahimovic: secondo i bookmakers va al Milan

Recentemente, è stata diffusa la suggestione di un possibile scambio tra Juventus e la società francese. L’affare faceva riferimento ad un trasferimento di Mauro a Torino, per Dybala a Parigi. Seppur questa trattativa non arrivi a concretizzarsi, il futuro di Maurito potrebbe essere ugualmente legato all’Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *