Reynolds alla Juventus, è fatta: accordo per il prestito al Benevento

Reynolds diventerà un nuovo giocatore della Juventus. Trovato l’accordo con gli americani del FC Dallas e con il Benevento per un prestito secco 

E’ fatta, la Juventus ha trovato l’accordo con il Dallas, club che milita nella Major League Soccer, per il trasferimento in Italia del terzino Bryan Reynolds. Come noto già da qualche giorno, il calciatore non approderà subito alla corte di Andrea Pirlo, dato che in squadra non sono al momento disponibili slot per extracomunitari,  già sfruttati in questa stagione per gli arrivi di Arthur e Weston McKennie. Anche per tale ragione, la dirigenza bianconera ha avviato una trattativa con il Benevento.

I sanniti, allenati da Pippo Inzaghi concederanno spazio al giocatore made in USA, permettendogli di crescere in un club che sta sorprendendo tutti per la sua stagione. Accumulata la giusta esperienza nel campionato italiano e raccolto il giusto minutaggio, il 19enne potrebbe poi tornare in bianconero e trasformarsi in un rinforzo di prospettiva futura.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Reynolds come Pulisic, ESCLUSIVO CT: il Calcio USA conquista l’Europa. In testa Germania e Italia

Reynolds, colpo Juventus: subito in prestito al Benevento

Reynolds
Bryan Reynolds (suo profilo ufficiale Instagram)

Nato il 28 giugno del 2001, Reynolds cresce calcisticamente proprio con i Dallas. Milita nel settore giovanile dal 2015 al 2018 e nella stagione 18-19 esordisce in prima squadra dove colleziona dieci presenze. Viene prestato al North Texas per poi fare ritorno, nuovamente, alla base. Nonostante la giovane età, ottiene la convocazione con la nazionale Under 17 e 18 degli Stati Uniti d’America e e ben presto potrebbe arrivare quella della nazionale maggiore.

LEGGI ANCHE >>> Bryan Reynolds al Benevento: è vicinissimo. In estate va alla Juventus

Andrà in Campania per i prossimi sei mesi  in caso la squadra del presidente Vigorito dovesse ritornare in Serie B. Con la salvezza, invece, il prestito potrebbe prolungarsi fino a diciotto mesi. Tempo ulteriore per permettergli di ambientarsi al nostro stile di gioco e far emergere tutto il suo talento, come successo in questo inizio di stagione proprio con McKennie, cresciuto nella sua stessa scuola calcio nel Texas.

Le videonews Calciotoday

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *