Lazio, gaffe su Pedro Neto: arriva la smentita. Il comunicato

Lazio e il caso Pedro Neto: la società biancoceleste smentisce con un comunicato ufficiale. Nella giornata di ieri il The Guardian, affermava il pagamento errato del calciatore portoghese ad un club  

Nella giornata di ieri la Lazio, come riportato dal quotidiano britannico ‘The Guardian, sul presunto pagamento per l’acquisto di Pedro Neto e di Jordao, avrebbe inviato il pagamento al club sbagliato. I soldi che sarebbero dovuti finire nelle casse dello Sporting Braga, sarebbero invece andati allo Sporting Lisbona. I biancoverdi, però, non avrebbero mai dichiarato di aver ricevuto il bonifico. Dunque una gaffe grossolana quella della società di Claudio Lotito.

Anche lo stesso segretario generale dei biancocelesti, Armando Calveri, aveva chiarito che si era trattato di un errore del dipartimento finanziario e che erano stati ingannati dai nomi simili delle due società. A chiarire una volta per tutte questa faccenda, a smentire queste “fake news” ci ha pensato la stessa Lazio che, pochi minuti fa, ha diramato una nota sul proprio sito ufficiale.

LEGGI ANCHE >>> Lazio, che figuraccia: Pedro Neto e Jordao pagati al club sbagliato

Lazio, smentita la gaffe su Pedro Neto: il comunicato ufficiale

Lazio, smentita la gaffe su Pedro Neto: il comunicato ufficiale
Lazio, smentita la gaffe su Pedro Neto: il comunicato ufficiale

LEGGI ANCHE >>> Lazio-Roma, tensione tra Arcuri e Lotito: il derby si scalda

La Lazio si difende, queste le parole riportate nella nota ufficiale: “Dopo alcune notizie che sono apparse su alcuni siti internet e sulla stampa di quest’oggi che hanno come soggetto il calciatore portoghese Pedro Neto, la Società Sportiva Lazio intende precisare che le transazioni finanziare sono state effettuate correttamente” c’è scritto.

E poi prosegue:Il tutto secondo gli accordi che erano stati prefissati nel trasferimento. Diversamente da quanto è stato diffuso, la somma non è mai stata destinata ad un altro club (riferimento allo Sporting Lisbona) anche se per errore è stato citato nelle norme di bilancio” conclude.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *