Caso Suarez, ex dirigente Juve interrogato: spuntano telefonate e messaggi

Caso Suarez, un ex dirigente della Juventus è stato interrogato dai magistrati di Perugia. Spuntano nuovi particolari sull’inchiesta

Il cosiddetto ‘Caso Luis Suarez‘ non è ancora finito. Si aggiungono altri particolari per quanto riguarda il presunto esame farsa sostenuto dal centravanti dell’Atletico Madrid all’Università per Stranieri di Perugia. Secondo quanto riportano dal quotidiano La Repubblica sarebbe stato interrogato un dirigente (ora ex) della Juventus, Maurizio Lombardo. Quest’ultimo, infatti, ha risolto consensualmente il suo legame con i bianconeri.

Faceva parte del club dal 2011 e si occupava di carte e documenti. Ed è per questo motivo che il suo nome è emerso dai verbali dei testimoni e di coloro che sono stati indagati dalla procura di Perugia. Lombardo è stato sentito già due volte dai pm. Ha inviato sette messaggi ed ha effettuato nove telefonate. In questo momento non risulta indagato, ma lo stesso quotidiano cita che ha avuto un ruolo fondamentale in questo esame, che l’ex Barcellona ha sostenuto il 17 settembre in Italia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Luis Suarez, spunta nuova chat per la cittadinanza: Juventus coinvolta

Caso Suarez, nuovi particolari in questa vicenda

Caso Suarez, nuovi particolari in questa vicenda
Caso Suarez, nuovi particolari in questa vicenda

Gli indagati in questo momento sono tre: il dirigente sportivo Fabio Paratici ed i due avvocati Luigi Chiappero e Maria Turco. ‘Repubblica‘, inoltre, ha riportato così la dinamica dei fatti: subito dopo che il ds della Juventus ha telefonato alla Ministra Paola De Micheli, sul telefono della stessa sarebbe arrivato nella chat Whatsapp il file con la documentazione per il riavvio della pratica Suarez che doveva essere completata. Si trattava della domanda di cittadinanza, il rigetto del ministero, il passaporto spagnolo dell’atleta e alcuni attestati di buona condotta delle autorità straniere.

LEGGI ANCHE >>> Caso Suarez, l’esame farsa di Perugia: tutte le fasi dell’inchiesta

Ad inviare tutto ciò sarebbe stato proprio Lombardo. Lo stesso che avrebbe segnalato all’uomo di fiducia di Pratici, Federico Cherubini, il nome del rettore dell’Università, Maurizio Oliviero.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *