Caos Ibrahimovic, Sanremo a rischio: spunta un’idea clamorosa

Ibrahimovic nella bufera. Dopo la rissa sfiorata nel derby di Coppa Italia con Romelu Lukaku, rischia di non prendere parte al Festival di Sanremo come ospite fisso: il Codacons ha inviato una diffida alla Rai, sotto accusa gli insulti razzisti dello svedese al belga. C’è, però, chi ipotizza un ulteriore scenario.

Ibrahimovic, Festival di Sanremo a rischio (Getty Images)
Ibrahimovic, Festival di Sanremo a rischio (Getty Images)

La querelle Ibra-Lukaku rischia di non riguardare esclusivamente il calcio giocato: le immagini andate in scena nel corso dei quarti di finale di Coppa Italia, di fronte c’erano Inter e Milan, con i due attaccanti venuti quasi alle mani, hanno lasciato il segno in negativo. Tensione alle stelle, condita da insulti di vario genere fra i due giocatori.

In particolare le parole di Ibrahimovic ai danni dell’attaccante nerazzurro. Al punto da chiamare in causa il razzismo. Situazioni che non si limitano a semplice dibattito, ma sfociano in qualcosa di più importante: l’atteggiamento mostrato dallo svedese non è stato un bell’esempio. In rete e sui social infatti centinaia  i messaggi di condanna alle frasi del milanista. Disappunto generale che è arrivato fino a Sanremo.

Leggi anche – Georgina Rodriguez a Sanremo 2021, vuole il bis: l’indizio social | FOTO

Ibrahimovic, il Codacons non lo vuole a Sanremo

Ibrahimovic, il Codacons non lo vuole al Festival di Sanremo (Getty Images)
Ibrahimovic, il Codacons non lo vuole al Festival di Sanremo (Getty Images)

La rissa sfiorata di San Siro ha scosso anche la Città dei Fiori: il Festival di Sanremo è in fase di organizzazione, nell’arco di questa edizione – in Eurovisione dal 2 al 6 marzo prossimo – Ibrahimovic compare fra gli ospiti fissi della kermesse: per il campione si parla già di un ruolo da co-conduttore. Dopo la bagarre di Coppa Italia, però, il condizionale diventa d’obbligo poiché la Rai avrebbe già alzato gli scudi: niente passerella all’Ariston per il campione svedese.

In Viale Mazzini sarebbero, quindi, pronti a rompere gli accordi precedentemente stipulati con il centravanti rossonero perché reo di essere un cattivo esempio alla comunità. Il Festival di Sanremo è – sin dagli albori – il fiore all’occhiello della tradizione canora e folkloristica italiana: un evento atteso e seguito anche all’estero che non può permettersi scivoloni di sorta.

Alla luce di tutto questo, il Codacons – Coordinamento per le associazioni della difesa dell’ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori – ha già formulato una diffida formale alla Rai in cui si chiede espressamente di non portare sul palco dell’Ariston il calciatore: appello che sarebbe arrivato proprio dal Presidente Carlo Rienzi. Le alte sfere – è il caso di dirlo – sono scese in campo e, per usare ancora un termine calcistico, ora la palla passa al Direttore Artistico della manifestazione: Amadeus.

Ibrahimovic, pace con Lukaku in diretta: l’ipotesi di Amadeus

Ibrahimovic e Lukaku, Amadeus potrebbe fare da pacere a Sanremo (Getty Images)
Ibrahimovic e Lukaku, Amadeus potrebbe fare da pacere a Sanremo (Getty Images)

Voci di corridoio ipotizzano addirittura che il celebre conduttore possa portare ugualmente Ibrahimovic in diretta ma solo per far sì che possa avvenire un evento particolarissimo: la pace e le scuse con Romelu Lukaku. Infatti indiscrezioni attestano che l’ufficio stampa della Rai si starebbe impegnando notevolmente per uscire dall’impaccio e invitare anche il belga a Sanremo potrebbe essere un’ottima soluzione, oltre che una ghiotta opportunità in grado di garantire ulteriore appeal mediatico alla manifestazione.

Fra ipotesi e suggestioni, non resta che aspettare riscontri ufficiali. Magari Amadeus e Fiorello riusciranno nell’intento fallito dall’arbitro Valeri qualche sera fa: ovvero calmare gli animi e soprattutto le parole. Laddove non arriva un fischietto potrebbe giungere una bella canzone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *