Napoli, infortunio Manolas: l’esito degli esami non è rassicurante

Kostas Manolas è uscito per infortunio in Genoa-Napoli e questa mattina è stato sottoposto agli esami strumentali: la diagnosi preoccupa il tecnico partenopeo.

Infortunio Manolas
Infortunio Manolas

Piove sul bagnato. Il Napoli, dopo esser stato in emergenza nel reparto offensivo a causa delle assenze di Osimhen e Mertens, ora dovrà fare i conti con i problemi in difesa. Infatti, Kalidou Koulibaly è indisponibile per via del Covid. E nel corso del match a Genova contro i rossoblu, Kostas Manolas si è infortunato in uno scontro con Goran Pandev. La sera stessa, il club azzurro ha comunicato una prima diagnosi, facendo ben sperare tifosi e staff tecnico. Quest’oggi, invece, sono arrivate brutte notizie.

Leggi anche >>> Napoli, futuro Gattuso: la decisione definitiva di De Laurentiis

Infortunio Manolas, rientro previsto tra 3 settimane

Manolas infortunato, i tempi di recupero (Getty Images)
Manolas, i tempi di recupero (Getty Images)

Secondo gli esami a cui è stato sottoposto il difensore greco, si tratterebbe di un infortunio ben più grave da quello previsto dopo il fischio finale del match al Galileo Ferraris. Infatti, Manolas ha riportato “una distorsione di secondo grado della caviglia destra con interessamento del legamento peroneo-astragalico anteriore“, come riporta il bollettino medico del Napoli sul sito ufficiale. Insomma, il centrale titolare salterà sicuramente i prossimi delicati match con Atalanta – ritorno della semifinale di Coppa Italia – e l’anticipo della 22a giornata di Serie A contro la Juventus al Diego Armando Maradona. Inoltre, Gattuso non riuscirà a recuperarlo neanche per la doppia sfida di Europa League contro il Granada. Per le prossime partite, fino a quando Koulibaly non recupererà dal Coronavirus, il Napoli schiererà i centrali Rrahmani e Maksimovic. L’allenatore azzurro si giocherà il suo futuro sulla panchina partenopea senza i due difensori titolari.

Le condizioni di Kostas saranno nuovamente valutate tra circa tre settimane, ma al momento starebbe già iniziando il percorso riabilitativo. Per lui si tratta del secondo infortunio stagionale, dopo lo stiramento accusato circa un mese fa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *