Fiorentina, Prandelli fa chiarezza: “Il modulo non risolve i nostri problemi”

La Fiorentina giocherà contro lo Spezia e Prandelli ha risposto alle domande in sala stampa alla vigilia del match: la sua idea sul modulo e i problemi della squadra.

prandelli fiorentina
Prandelli, allenatore Fiorentina

La Fiorentina naviga pericolosamente vicino la zona retrocessione. Prandelli sa bene quanto è importante il prossimo match di campionato contro lo Spezia, squadra neopromossa e che sta sbalordendo tutti per il gioco espresso. Il club ligure arriva a questa sfida dalla grande vittoria contro il Milan e ha sicuramente meno da perdere rispetto ai Viola.

L’allenatore della squadra toscana ha parlato oggi in sala stampa alla vigilia dell’anticipo della 23a giornata di Serie A. Mister Prandelli ha fornito alcune letture importanti e ha chiarito un aspetto.

Leggi anche >>>  Calciomercato Fiorentina, è asta a tre per Milenkovic: gli sviluppi

Fiorentina, Prandelli: “Il modulo non ci salverà, conta solo il risultato”

Cesare Prandelli

La Fiorentina di Iachini giocava con la difesa a tre. Con l’arrivo di Prandelli, il reparto si è adattato alle richieste del nuovo tecnico schierandosi con una linea a quattro. “Per giocare con 4 difensori ci voleva del tempo, non si poteva improvvisare – ha dichiarato in conferenza stampa l’allenatore viola – Bisogna chiarire una cosa: quando si parla di sistemi di gioco, ci si riferisce alla difesa. Dobbiamo smetterla di pensare che il modulo sia la panacea dei problemi. Nella nostra testa dev’esserci solo il risultato finale“.

Inoltre, il tecnico della Fiorentina ha aggiornato i giornalisti sulle condizioni di Ribery e Kokorin: “Franck sta cercando di recuperare, ma non è al 100%. Aleksandr, invece, non è in condizione. Non penso giocherà contro lo Spezia, ma sarà in panchina. Durante la partita contro l’Inter ha avuto qualche problema“. Infine, l’allenatore ha commentato il dato sui calci d’angolo poco sfruttati: “Spesso non facciamo cross puliti, ma confido molto in questa soluzione“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *