Donnarumma al PSG, Simona Ventura è sicura: “Ha fatto una…”

Donnarumma al PSG dopo il grande successo ad Euro 2021. Una scelta che ha diviso l’opinione pubblica del calcio. 

Donnarumma
Donnarumma e il PSG

Vincere un Europeo dopo anni di sacrifici, di alti e bassi, di soddisfazioni ma anche di delusioni non è una cosa semplice. Se poi, si gioca una competizione con gli occhi puntati addosso per non aver voluto rinnovare con uno dei più grandi club d’Europa, il successo deve essere visto come un’impresa.

Ed è ciò che è accaduto a Gianluigi Donnarumma, portiere dell’Italia campione d’Europa e futuro giocatore del PSG. I mesi di maggio e giugno sono stati alquanto complicati per l’ex Milan, per il mancato accordo con il club rossonero. Una scelta che, grazie alla vittoria della squadra di Mancini, è andata in secondo piano almeno per un paio di settimane.

Leggi anche: Bernardeschi e Veronica, matrimonio cancellato: rivelazione sconvolgente

Donnarumma e il pensiero di Simona Ventura

Donnarumma
Donnarumma e il pensiero di Simona Ventura

Dei successi con la Nazionale italiana, saranno in molti a ricordarsi. Nessuno potrà, sicuramente, scordare delle sue grandi parate che hanno permesso a Mancini e compagni di alzare un trofeo così importante come l’Europeo. Archiviato Euro 2021, sarà fondamentale concentrarsi sulla nuova avventura con il PSG. Una scelta che, su Donnarumma è pesato tantissimo, soprattutto in virtù dell’addio al Milan.

Proprio su questo argomento, ha espresso la sua opinione la conduttrice televisiva, Simona Ventura, che a ‘golssip.it’ ha detto: “Se Donnarumma ha fatto bene ad accettare i 12 milioni del Psg? Questo è il mercato gestito dai procuratori e, giustamente, il Milan non può dare quella cifra e ha fatto bene Maldini a evitare l’asta al rialzo che avrebbe cambiato gli equilibri della società. Diciamo che Donnarumma fra l’uovo oggi e la gallina domani ha preso l’uovo, la gallina e tutto il pollaio. Ma rimane il nostro portierone e il futuro sarà suo”.

Dunque, grazie alla Ventura abbiamo sfatato il tabù dell’uovo oggi e della gallina domani. Adesso più che mai, soprattutto nel mondo del calcio, ci si prende l’intero pollaio per paura di rimanere digiuni.