Ibrahimovic è sempre il più amato in Usa. Ecco le altre stelle della MLS

Zlatan Ibrahimovic
Ibrahimovic è sempre il più amato in Usa

Anche se a 37 anni suonati, Zlatan Ibrahimovic rimane protagonista: negli Stati Uniti è sempre più idolo. Nella Major League Soccer anche quest’anno è la sua la maglia più venduta. Come nel 2018. Lo svedese guida la speciale classifica, e anche se spesso parla di un futuro altrove, negli Stati Uniti rimane lui l’idolo indiscusso degli amanti di calcio.

Ibrahimovic il più amato anche quest’anno: meglio di Rooney e Schweinsteiger

Ibrahimovic , sempre lui: la vera star della MLS: ma non è il solo. Forse meno popolari, ma nella Major League Soccer ci sono anche altre stelle. Uno spunto può arrivare proprio dalla classifica delle maglie vendute: dopo Ibrahimovic, al secondo posto c’è Josef Martinez, attaccante venezuelano che ha giocato anche nel Torino (58 presenze e 7 gol). L’ex Young Boys è molto popolare negli Stati Uniti, dove a 27 anni gioca con la maglia dell’Atlanta United.  Altra “star” del calcio statunitense è il messicano Carlos Vela: l’ex Arsenal e Real Sociedad gioca nei Los Angeles FC. Forse dopo Zlatan Ibrahimovic il calciatore “a stelle e strisce” più famoso è Wayne Rooney: l’inglese gioca nel DC United, e a 34 anni non pensa neanche minimamente al ritiro. Chi invece ha appena appeso le scarpette al chiodo è Bastian Schweinsteiger: da pochi giorni ha concluso la sua carriera di calciatore nei Chicago Fire, salutando a 35 anni il mondo del calcio. Il campione del mondo tedesco è tra i giocatori più popolari negli Stati Uniti.

Carlos Vela
Carlos Vela è uno dei protagonisti della MLS

Dopo Ibrahimovic ecco le altre “stelle” della MLS

Altri calciatori conosciuti in Usa sono l’ex Chievo e Roma Michael Bradley (lui americano doc) e Jozy Altidore, anche lui statunitense di nascita, che gioca nel Toronto e che nel suo paese è considerato il calciatore americano più rappresentativo. Non vanno dimenticati l’ex Lazio e Manchester United, il portoghese Nani, che a 33 anni gioca a Orlando, e Nicolas Lodeiro, uruguiano, ex stella della sua nazionale che si è un po’ perso per strada. Ora gioca con la squadra di Seattle. Di italia c’è poco, ormai: dopo l’addio di Giovinco è rimasto come unico rappresentante dell’Italia rimane il portiere Vito Mannone, che gioca nel Minnesota. Si può considerare italiano anche il giovane Busio, che pur essendo americano ha passaporto italiano. Nonostante i suoi 16 anni gioca nello Sporting KC ed è considerato un prospetto di sicuro avvenire.

Leggi anche – Fiorentina, Ibrahimovic e De Rossi: Commisso ci prova per gennaio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *