Icardi conquista il Psg, Lukaku fa felice l’Inter: contenti tutti… tranne Wanda

Icardi conquista il Psg, Lukaku fa felice l'Inter: contenti tutti... tranne Wanda
Icardi conquista il Psg, Lukaku fa felice l’Inter: contenti tutti… tranne Wanda

Mauro Icardi ha conquistato Parigi. Il Guardian l’ha inserito nella lista dei 100 migliori giocatori del 2019. Le sue prestazioni al PSG, ha scritto Paul Doyle, “hanno zittito subito i critici. Dopo aver segnato nove gol nelle prime dieci presenze, il PSG ha iniziato a pensare di attivare la clausola per trasformare il prestito in un acquisto a titolo definitivo per 65 milioni di euro”. Icardi ha fatto dimenticare Cavani, terzo miglior cannoniere dell’ultima Ligue 1, ma a Milano c’è chi non lo dimentica. E Wanda Nara rilancia: “Mauro ha segnato 150 gol con questa squadra, Lukaku non è ancora andato in gol in Champions” ha detto a Tiki Taka.

Come gioca Icardi al Paris Saint-Germain

Icardi è un centravanti antico dentro un calcio post-moderno, una prima punta che quasi non si muove dall’area di rigore, che contrasta con i principi del gioco di passaggi. Si accende solo in particolari situazioni, raramente supera i 20 passaggi completati a partita, ma quel suo modo quasi unico di risvegliarsi negli ultimi sedici metri tiene i difensori sotto una costante agitazione e libera spazi per i compagni.

Velocità di analisi e di pensiero, capacità di smarcamento nello stretto ne fanno un punto di riferimento cruciale in una squadra come il PSG. Tuchel, che può contare su Mbappé e Neymar, non ha così tanto bisogno di una prima punta associativa, che partecipi al gioco. Può invece esaltare la sua esplosività, di attaccare la profondità nelle ripartenze, di sfruttare ogni contro-movimento del suo marcatore chiamato a decidere se coprire lui o uno degli altri componenti del tridente quando affollano l’area. Una condizione non certo invidiabile, quella dei difensori di fronte a un centravanti d’altri tempi che ha segnato il 95% dei suoi gol dall’interno dell’area.

La critica di Wanda: “Mauro aveva segnato 150 gol all’Inter”

Ma il suo futuro rimane incerto. “Sarebbe bello vedere Lukaku anche nelle partite importanti. Dopo la Champions, Lukaku era stato criticato mentre ora viene elogiato come un fenomeno” ha detto Wanda Nara, moglie e procuratrice dell’argentino. La sua mancanza, a giudicare dal rendimento di Lautaro e Lukaku, perfetti per il gioco di Conte, vero valore aggiunto dell’Inter, finora non si è sentita così tanto.

Il belga ha segnato 14 gol in 22 presenze stagionali, di cui due in Champions: in Europa, però, hanno pesato anche le occasioni mancate nella sfida decisiva persa al Meazza nell’ultima giornata contro il Barcellona.

Icardi conquista il Psg, Lukaku fa felice l'Inter: contenti tutti... tranne Wanda
Icardi conquista il Psg, Lukaku fa felice l’Inter: contenti tutti… tranne Wanda

Lukaku, 200 gol con i club e una grande intesa con Lautaro

Lukaku ha partecipato al 4-0 contro il Genoa che ha chiuso l’anno solare dell’Inter. E si è regalato anche la rete numero 200 in carriera con i club in partite ufficiali: prima delle 14 in nerazzurro, infatti, erano arrivate le 87 con l’Everton, le 42 con il Manchester United, le 41 con l’Anderlecht e le 17 con il West Bromwich Albion.

Non solo. Ha anche dimostrato il suo valore di uomo squadra lasciando a Esposito la battuta del calcio di rigore che gli consente di festeggiare il primo gol in Serie A. Lukaku segna un gol ogni 120 minuti, a cui aggiunge 3 assist tra Serie A e Champions. Crea una media di due occasioni da gol a partita e ha sviluppato un’intesa crescente con Lautaro Martinez. Il 2020 dell’Inter riparte da loro.

Leggi anche – Lukaku svela al New York Times i consigli di Ronaldo e Pogba

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *