Cagliari, Pavoletti: “Sul mio infortunio troppe bugie, nessuna lite con Birsa”

Cagliari, Pavoletti: "Sul mio infortunio troppe bugie, nessuna lite con Birsa"
Cagliari, Pavoletti: “Sul mio infortunio troppe bugie, nessuna lite con Birsa”

Il Cagliari ha convocato a sorpresa una conferenza stampa nel centro sportivo di Asseminello. Presenti Cigarini e Pavoletti, che si è difeso dalle ricostruzioni, da lui definite fantasiose, sul secondo infortunio al ginocchio.

Siamo qui per chiarire una situazione che vede interessati me e Leonardo. Non c’entrano nulla Birsa, Oliva, Nainggolan” ha detto Cigarini. “Abbiamo letto troppe bugie, sono state dette tante cose non vere. Ci dispiace, perché se ne sono raccontate fin troppe. Ci tengo a dire che non c’è stata nessun tipo di rissa” ha aggiunto il centrocampista. Proprio a una rissa tra compagni di squadra dopo una cena, infatti, era stato attribuito il nuovo infortunio a Pavoletti.

Pavoletti: “Stavamo scherzando con Cigarini, nessuna rissa”

Abbiamo iniziato a scherzare con ‘Ciga’ una volta usciti dal ristorante” ha spiegato l’attaccante. “Fuori c’erano anche degli altri ragazzi della squadra che mi hanno chiamato. Io mi sono girato e ho sentito una torsione del ginocchio: mi sono ritrovato a terra senza motivo“.

Pavoletti non si è preoccupato subito, spiega. “Altrimenti non sarei andato ìn un altro locale dove mi hanno visto in tanti. Il versamento è stato importante, ieri sono stato in Austria e il responso parla di crociato rotto“.

“Quanto successo ci caricherà di più”

E’ stato proprio Pavoletti a organizzare la cena. “Sono stato io a organizzare la cena: ero la persona più contenta di questo mondo, volevo portare la mia allegria alla squadra. Il gruppo è unito e lo dimostra la presenza di tutti alla cena. Dopo ci sono state troppe chiacchiere, sembrava una puntata di Gomorra: pro o contro Maran“. L’attaccante ha anche difeso Birsa, “che è stato buttato dentro a questa faccenda e stava soltanto mangiando un gelato“.

Per ora, ha spiegato, il presidente Giulini non ha preso provvedimenti, anche se certamente non ha preso bene la vicenda. “Ora però siamo più concentrati sul momento: il presidente sa che sono un suo giocatore e che devo tornare a giocare” ha detto. Le malelingue, ha aggiunto, “si sono attaccate a questo perché il Cagliari non sta vincendo, in questo momento. Le prestazioni ci sono, ma mancano probabilmente i risultati“. Quanto successo, conclude Pavoletti, “può anche caricare di più la squadra, per smentire quello che è uscito in questi giorni. Abbiamo tanta benzina, ne avremo ancora di più“.

Leggi anche – Cagliari, mistero Pavoletti: crociato rotto a cena coi compagni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *