Cornelius, che exploit: doppia tripletta al Genoa tra andata e ritorno

Andreas Cornelius è il grande protagonista della vittoria 4-1 del Parma a casa del Genoa, la vittima preferita dell’ex attaccante dell’Atalanta che ha segnato una tripletta all’andata e al ritorno.

Cornelius Tripletta
Cornelius Parma (Getty Images)

Quando Cornelius vede il Genoa si scatena. Dopo la tripletta dell’andata, il possente centravanti del Parma si è ripetuto stasera a Marassi segnando ancora tre reti a quella che è diventata la sua vittima preferita. Diventano sei gol in due partite, un vero e proprio incubo per la squadra rossoblù che esce da questo doppio incrocio con un parziale negativo di 9-2.

Il 5-1 dell’andata infatti viene quasi imitato al ritorno, concluso 4-1 sempre con grande protagonista il bomber che non ti aspetti. Il ritorno in Serie A invece, dopo l’infelice parentesi all’Atalanta, è stato devastante per Cornelius che quest’anno ha già raggiunto la doppia cifra in campionato. Con la tripletta di oggi, ha toccato quota undici come il suo numero di maglia, un’ossessione per i difensore del Grifone incapaci di contrastare la sua potenza fisica e il fiuto del gol.

Ti potrebbe anche interessare – Serie A, highlights Genoa-Parma: gol e sintesi del match – VIDEO

Parma, Cornelius diventa l’incubo del Genoa: i numeri sono pazzeschi

Cornelius Parma
Kulusevski e Cornelius (Getty Images)

L’uragano Cornelius ha nuovamente spazzato via il Genoa. La partita di Marassi è stata come un déjà-vu per l’attaccante del Parma, ancora autore di un’incredibile tripletta. Un’altra serata magica che distrugge i rossoblù, colpiti e affondati per la seconda volta. Una statistica pazzesca che migliora una stagione già molto positiva per l’ex Copenhagen che ha segnato più gol con la maglia emiliana che negli ultimi tre anni tra Bordeaux e Atalanta. Numeri sorprendenti che lanciano la squadra di D’Aversa in classifica, permettendo ancora di coltivare il sogno Europa.

Leggi anche – Torino-Parma 1-1, Kucka risponde a Nkoulou. Belotti sbaglia un rigore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *