Galliani, critica al Milan per una cessione: “Perchè l’hanno fatto?”

Adriano Galliani non dimentica il Milan. L’attuale Amministratore Delegato del Monza ricorda i successi ottenuti con i rossoneri intervistato da Sportweek, non risparmia una frecciatina sull’attuale gestione della società di Via Aldo Rossi.

Galliani punzecchia il Milan su una mossa di mercato (Getty Images)
Galliani punzecchia il Milan su una mossa di mercato (Getty Images)

Galliani e il Milan, un amore viscerale che non finirà mai. L’ex dirigente rossonero, ora al Monza con Berlusconi, non dimentica il proprio passato. Anche presente, se vogliamo, da tifoso. I rossoneri, di fatto, non li ha mai dimenticati né abbandonati del tutto. Allora, intervistato da Sportweek, Galliani si lascia cullare dai ricordi e il pensiero va subito alla Supercoppa del 2016: “Finita ai rigori, prima Donnarumma che blocca Dybala con una parata determinante dal dischetto, poi Pasalic che realizza. Non ho capito, fra le altre cose, perchè i cinesi successivamente lo hanno lasciato andar via”.

Leggi anche – Juventus, Arthur arriva oggi: fissato il giorno delle visite mediche

Galliani, Milan che passione: “Capello, Sacchi e Ancelotti hanno fatto la storia del club”

Adriano Galliani ricorda gli anni passati al Milan (Getty Images)
Adriano Galliani ricorda gli anni passati al Milan (Getty Images)

L’ex Amministratore Delegato dei rossoneri non risparmia frecciatine sulla recente gestione della società rossonera. Evidentemente c’è ancora qualche ferita aperta, così come aperta e profonda è la mente quando si parla di vecchi trionfi: “La storia del Milan è stata fatta da tre allenatori. Capello, Sacchi e Ancelotti. Non me ne voglia Max Allegri, che comunque fece molto bene, dei suoi anni ricordo la Supercoppa a Pechino vinta sull’Inter. Mi ha dato molto gusto”, ha concluso Galliani che, malgrado tutto, al Milan non rinuncia. Un pezzo di cuore, del resto, è rimasto lì.

Leggi anche – Hakimi all’Inter: i retroscena su rifiuto Bayern Monaco e City

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *