Sky, Lega ottiene decreto ingiuntivo: i possibili effetti sulla Serie A

La Lega Serie A presenta attraverso il Tribunale Civile di Milano un decreto ingiuntivo nei confronti di Sky, adesso il colosso televisivo è obbligato a pagare la rata mancante se vuole evitare ulteriori conseguenze giudiziarie. Anche se il provvedimento, per il momento, non è “immediatamente esecutivo”. Cosa significa.

Sky, decreto ingiuntivo diramato dalla Lega Serie A (Getty Images)
Sky, decreto ingiuntivo diramato dalla Lega Serie A (Getty Images)

Il ricorso della Lega Serie A nei confronti di Sky è stato accolto. Diatriba in atto fra il colosso televisivo e la Lega Calcio che ha portato all’emissione da parte del Tribunale Civile di Milano di un decreto ingiuntivo pari a 102,7 milioni di euro a cui va sommato un elevato tasso di interesse. La vicenda rischia di prendere, se non ha già preso, una brutta piega. Sky deve pagare, ma è ancora possibile correre ai ripari per l’emittente rinfrancata dal fatto che il provvedimento avrebbe un cavillo particolare che potrebbe assicurare, quantomeno, ulteriore tempo per trovare una soluzione.

Leggi anche – Sky e Lega pochi giorni per l’intesa: diretta partite in bilico

Serie A, pugno duro della Lega Calcio: decreto ingiuntivo contro Sky

Lega Serie A, è rottura con Sky sui diritti tv. Cosa si rischia (Getty Images)
Lega Serie A, è rottura con Sky sui diritti tv. Cosa si rischia (Getty Images)

Il decreto ingiuntivo presentato dalla Lega Serie A, infatti, non sarebbe “immediatamente esecutivo”: significa che Sky avrebbe, eventualmente,  40 più 90 giorni di tempo per presentare opposizione e fissare l’udienza. Se ne potrebbe, quindi, riparlare a fine anno. Intanto però l’eventualità dell’interruzione di segnale potrebbe ancora concretizzarsi: il termine ultimo posto in precedenza era il 12 luglio. Deadline anche per quel che riguarderebbe la fruizione dei contenuti in diretta, qualora si dovesse propendere per uno stop delle trasmissioni.

Leggi anche – La Serie A omaggia Ennio Morricone: le sue note al posto dell’inno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *