Jovic cedibile: le condizioni del Real Madrid. Milan e Inter avvisate

Il Real Madrid è pronto a cedere Luka Jovic ma soltanto a titolo definitivo: una scelta che spiazza Milan e Inter, finora disponibili a trattare solo in prestito.

Jovic Real Madrid
Luka Jovic (Getty Images)

L’avventura di Luka Jovic al Real Madrid è già arrivata ai titoli di coda. Come recita la prima pagina di “Marca”, i Blancos hanno definitivamente messo alla porta l’attaccante serbo e sono disposti a lasciarlo partire ma a una condizione. Dopo averlo pagato 60 milioni la scorsa estate, non accettano prestiti e ascolteranno soltanto offerte a titolo definitivo. Una decisione che scombina i piani di Milan e Inter, più interessate a una formula diversa di trasferimento.

Le due squadre di Milano, accostate con regolarità all’ex Eintracht Francoforte, rischiano di essere tagliate fuori di fronte a questo nuovo scenario. La posizione di Florentino Perez sicuramente non cambierà nel breve periodo, magari potrebbe alleggerirsi a fine mercato se non dovessero presentarsi acquirenti. Per adesso la cifra fissata è 50 milioni di euro, sinceramente fuori portata da rossoneri e nerazzurri più alla ricerca di un’occasione per rilanciare un giocatore in netta crisi.

Ti potrebbe anche interessare – Real Madrid, Jovic in isolamento: contatto con amico con Covid-19

Jovic in vendita: il Real Madrid non vuole prestiti e chiede 50 milioni

Jovic Milan Inter
Jovic Real Madrid (Getty Images)

Il Real Madrid ha perso la pazienza con Luka Jovic, scaricato da società e Zidane. L’attaccante serbo ha fallito miseramente il salto in una big d’Europa, disputando una prima stagione disastrosa non solo in campo. Alle Merengues infatti, oltre alle negative sensazioni in allenamento, non sono piaciuti alcuni atteggiamenti nella vita privata: l’ultimo il contatto con amico positivo al Covid-19 che l’ha costretto ad andare in isolamento. Tra l’altro il classe ’97, a causa di un singolare infortunio subito durante il lock-down, ha già terminato la stagione e rischia di non mettere più piedi sul prato del Bernabeu. Il suo futuro però rimane incerto e più lontano anche dall’Italia.

Leggi anche – Inter, Dzeko: priorità per l’attacco. La richiesta di Conte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *