Haaland, problemi con la security: cacciato da un locale – Video

Erling Haaland è stato cacciato da un locale in Norvegia. Il video in cui un membro della sicurezza lo allontana dal club sta facendo il giro del web 

Haaland, la security lo caccia da un locale (Getty Images)
Haaland, la security lo caccia da un locale (Getty Images)

La Bundesliga è terminata e l’attaccante del Borussia Dortmund, Erling Haaland, ha deciso di godersi le vacanze nella sua Norvegia. Un po’ di relax per tornare in forma in vista della prossima stagione, dopo aver concluso quest’annata con 44 gol in 40 partite. Numeri da record, che gli hanno permesso di diventare uno dei giovani talenti più seguiti sul calciomercato, con la Juventus che ha sfiorato l’acquisto a gennaio.

Il 19enne aveva deciso di trascorrere una serata all’interno di un locale, ma è diventato protagonista di un video che ha fatto subito il giro dei social. Un episodio curioso, che ha visto l’attaccante alle prese con un membro della sicurezza del club dove il giocatore voleva passare qualche ora senza problemi.

Potrebbe interessarti anche: Bayern Monaco, Flick frena su Haaland: “Non è Lewandowski”

Haaland cacciato dal locale: le immagini spopolano

Haaland, problemi con la security in Norvegia (Getty Images)
Haaland, problemi con la security in Norvegia (Getty Images)

Le dinamiche dell’accaduto non sono ancora chiare, ma le immagini registrate al di fuori del locale in Norvegia mostrano chiaramente un addetto della sicurezza e dei suoi collaboratori che allontanano l’attaccante dall’ingresso. Il membro della security spinge il giocatore, mentre quest’ultimo ha in mano un telefono che stava utilizzando per fare, presumibilmente, una videochiamata.

Haaland non oppone resistenza, ma appare arrabbiato e urla qualcosa. Altre persone si avvicinano poi al norvegese, creando un piccolo cerchio intorno a lui. Alla fine del video il classe 2000 si allontana ulteriormente dall’ingresso. Le immagini hanno subito fatto il giro dei social, ma l’atleta, almeno per il momento, non ha commentato l’accaduto, così come non sono arrivate comunicazioni da parte del Borussia Dortmund per possibili multe o sanzioni.

Leggi anche -> Juventus su Haaland, una clausola fa sperare i bianconeri: il piano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *