Premier League, possibile riapertura stadi per la Community Shield

Il Governo inglese sarà chiamato a un’importante decisione: il Wembley potrà accogliere per la prima volta i tifosi allo stadio per la finale della Community Shield.

community shield tifosi stadio
La Community Shield vinta dal Manchester City (GettyImages)

L’Inghilterra vuole provare a tornare al più presto alla normalità. Ci proverà chiedendo al Governo di aprire parzialmente le porte del Wembley in occasione della finale di Community Shield, gara secca tra la vincitrice del campionato e quella della FA Cup. Il Liverpool è la prima finalista nota, grazie alla conquista della Premier League. La seconda squadra uscirà fuori dalla finale della Coppa d’Inghilterra tra Chelsea ed Arsenal, in programma il 1 agosto. La palla ora passa al Governo inglese che dovrà dare una risposta ai tifosi.

Potrebbe interessarti anche >>> Premier League: Manchester Utd e Chelsea in Champions, tutti i verdetti 

Il ritorno dei tifosi allo stadio: la Community Shield può fare da apripista

Inghilterra-Italia, Wembley diventa tricolore per la partita che non c’è - FOTO
Wembley (GettyImages)

Se l’idea della Premier League venisse accolta, il Wembley sarà aperto per 15mila o massimo 20mila spettatori. Lo stadio, in tempi normali, consentirebbe l’entrata a 90 mila persone, ma non sarà questo il caso di fare sold-out. Naturalmente, i tifosi dovranno rispettare tutte le regole del distanziamento sociale e potranno finalmente fare il tifo davanti alle proprie squadre.

La finale della Community Shield potrebbe essere la prima partita in Inghilterra ad ospitare il pubblico dopo lo scoppio della pandemia. Sarà anche una grande occasione per mostrare come cambia la vita sugli spalti e come ci si dovrà comportare per i prossimi mesi in caso di nuove parziali aperture. Detto ciò, la Premier League conta sul fatto che dal 1 ottobre possa riaprire le porte degli stadi.

Potrebbe interessarti anche >>> Serie A, stadi con il pubblico: Spadafora ipotizza una data

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *