Maradona, il ricordo di Matthaus: “Mi voleva al Napoli e mi offrì tanti soldi..”

Maradona, il ricordo di Lothar Matthaus. Il campione tedesco ha raccontato un particolare aneddoto sul fuoriclasse argentino dopo il Mondiale del 1986

In tanti, del mondo del calcio, continuano a ricordare il grande Diego Armando Maradona, scomparso da dieci giorni all’età di sessanta anni per un arresto cardiaco e dopo una importante operazione al cervello. Chi ha voluto ricordare un particolare aneddoto è un suo “rivale” sul campo ma grandissimo amico fuori: stiamo parlando dell’ex calciatore dell’Inter e della Nazionale tedesca Lothar Matthaus. Quest’ultimo, infatti, avrebbe rilasciato delle importanti dichiarazioni al quotidiano sportivo tedesco ‘Sport Bild‘. Il fuoriclasse argentino ha tentato, in tutti i modi, di convincere l’ex giocatore di trasferirsi al Napoli.

Ha provato a convincerlo in tutti i modi, anche recapitandogli una valigia piena di soldi. Su questa vicenda il tedesco ha raccontato: “Non ci conoscevamo da molto, ma Diego inviò una delegazione da Napoli a Monaco per osservarmi da vicino. Mi trovavo in un ristorante italiano che di solito il sabato era chiuso, ma per una importante riunione segreta aprirono. Una volta rientrato da Colonia, verso la sera, ad aspettarmi insieme al mio agente, c’erano quattro italiani con una valigetta“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Maradona, Stadio San Paolo: i sacerdoti contrari al cambio nome

Maradona, il ricordo di Matthaus: “Mi inviò una valigia piena di soldi

Lothar Matthaus e Diego Armando Maradona (Getty Images)

L’ex campione del mondo negli anni 90 ha continuato dicendo: “In quella valigia c’era una cifra tre volte superiore rispetto a quello che percepivo al Bayern Monaco. I dirigenti azzurri mi mandarono i saluti da parte sua e mi chiesero di firmare il contratto.

Non potevo accettare ed infatti rifiutai. Ma quel gesto lo ricordo come se fosse ieri perché è stato davvero importante. Mi voleva a tutti i costi per giocare nel Napoli. Era il 1986, subito dopo la Coppa del Mondo disputata in Messico. Due anni più tardi mi trasferii in Italia, ma per giocare con i nerazzurri“.

LEGGI ANCHE >>> Maradona, l’autopsia: cuore appesantito e non solo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *