Serie A, highlights Milan-Juventus: gol e sintesi partita – Video

Serie A, guarda la sintesi del big match di Milan-Juventus che completa la sedicesima giornata. Doppietta di Chiesa, gol di McKennie

Il Milan non perdeva in campionato da 27 partite. L’imbattibilità iniziata a marzo scorso finisce contro la Juventus di Pirlo che vince 3-1. La doppietta di uno scintillante Chiesa e la rete di McKennie fanno volare i bianconeri, per i rossoneri provvisorio pareggio di Calabria.

Il Milan crea al 7′ la prima chance: armonioso il sinistro di Castillejo, Szczesny intuisce e devia in angolo. Si gioca a ritmi alti, la Juve occupa meglio gli spazi di mezzo e al 9′ si accende. Dybala appoggia per Frabotta, il suo mancino però non è preciso. Chiesa mette in grande difficoltà Hernandez, e consente ai bianconeri di rendere più solida la superiorità sulle fasce. Al 16′ prende le misure su azione da calcio d’angolo, il suo destro di controbalzo rimbalza contro il palo.

Le due assenze per parte (Alex Sandro e Cuadrado, Rebic e Krunic) sembrano pesare più sul Milan. La squadra di Pioli fatica a tenere le linee compatte e coprire fra le linee. Cristiano Ronaldo riceve largo a sinistra, questo lo schema base dei bianconeri, mentre Ramsey e le mezze-ali salgono per creare superiorità a ridosso dell’area. Chiesa, a destra, tenta giocate diverse e al 18′ sblocca la partita. Bello il triangolo con Dybala che di tacco aggira Romagnoli, preciso l’affilato diagonale che rompe l’equilibrio.

Al 22′ Leao porta il primo segnale di reazione rossonera. Si accende all’improvviso, salta due uomini e prova il sinistro. Non prende lo specchio della porta, Pioli comunque applaude. Cinque minuti dopo, servito da Hauge, è più preciso ma Szczesny prolunga in corner.

Al 41′ il Milan pareggia, ma i bianconeri protestano per il contatto spalla a spalla in avvio dell’azione tra Calhanoglu e Rabiot. Irrati fa giocare, il VAR essendo una valutazione dell’entità del contatto non interviene in assenza di un chiaro ed evidente errore, il turco apre per Leao che vede in mezzo Calabria. Il destro dell’esterno finisce sotto il sette e chiude un primo tempo bello, veloce e spettacolare, nonostante le assenze.

MILAN-JUVENTUS, PER LA SINTESI – CLICCA QUI

Serie A, la sintesi di Milan-Juventus

Serie A, la sintesi di Milan-Juventus
Serie A, la sintesi di Milan-Juventus

Gli allenatori non cambiano formazioni all’intervallo. Il Milan prova a sfruttare l’onda positiva del pareggio ma Szczesny neutralizza il destro di Dalot. I bianconeri si scuotono, al 56′ de Ligt crossa per Ramsey bravo a controllare e a calciare di sinistro ma colpisce solo l’esterno della rete.

Ma la Juve prende le misure e pochi minuti dopo colpisce di nuovo. Dybala serve al limite Chiesa, svelto ancora ad eludere la marcatura di Hernandez (non esattamente convincente) e a disegnare il rasoterra a fil di palo che vale il 2-1.

Leggi anche – Simakan, il Milan lo vuole: la scelta dello Strasburgo può cambiare scenario

Pirlo cambia: fuori Dybala e Chiesa, dentro McKennie e Kulusevski che si piazzano sulle ali con Ramsey seconda punta. In risposta, Pirlo toglie Hauge per Diaz.

Al 72′ Donnarumma devia la conclusione di McKennie. La partita si accende, Pirlo sostituisce uno stanco Ramsey e Bentancur, già ammonito e un po’ nervoso. Ha anche rischiato l’espulsione per un fallo su Castillejo.

Leggi anche – Serie A, highlights Napoli-Spezia: gol e sintesi partita – VIDEO

Al 77′ McKennie chiude la partita su assist di Kulusevski. Finisce dopo 27 partite l’imbattibilità del Milan. Buona, eccome, la prima di Pirlo a San Siro da allenatore avversario.

La classifica aggiornata di Serie A

Milan 37
Inter 36
Juventus 30
Roma 30
Napoli 28
Sassuolo 26
Atalanta 25
Verona 23
Lazio 22
Benevento 21
Sampdoria 17
Bologna 16
Udinese 15
Fiorentina 15
Cagliari 14
Parma 12
Torino 11
Spezia 11
Genoa 11
Crotone 9

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *