Mondiale 2022, indiscrezione clamorosa: c’entra il Covid…

Il Mondiale in Qatar si avvicinano e da una delle favorite arriva una soffiata che se confermata ufficialmente farebbe molto discutere.

Il Mondiale del 2022 è destinato per forza di cose a fare la storia. E’ già così, anche se mancano ancora diversi mesi all’inizio ufficiale. Troppe diversità rispetto a tutto quello che ha da sempre contraddistinto il torneo più affascinante del calcio, la Coppa del Mondo. Inoltre negli anni della pandemia, ecco che un ulteriore stravolgimento potrebbe giocare un ruolo rilevante.

coppa del mondo mondiale qatar calciotoday 20220716 lapresse
La Coppa del Mondo che sarà messa in palio nel Mondiale in Qatar. (LaPresse)

La stagione calcistica 2022-23 si preannuncia come una delle più insolite che la storia ricordi. Una cosa è certa, la scaletta degli eventi prevede già un cambiamento unico e senza precedenti. Come tutti sanno infatti il Mondiale in programma si terrà durante la stagione invernale. Non potrebbe essere altrimenti, visto il caldo insopportabile dei mesi estivi in Qatar.

Questo però non è l’unico elemento anomalo che caratterizzerà la Coppa del Mondo 2022. Il fattore Covid infatti influirà su tutta un’altra serie di dinamiche ed a tal proposito è da poco iniziata a circolare una voce che, se confermata (ma con ogni probabilità lo sarà) rappresenterebbe un motivo di grandi discussioni.

Covid e quarantena, cosa cambia al Mondiale in Qatar

coppa del mondo mondiale qatar calciotoday 20220716 lapresse
Il Mondiale in Qatar porterà molti cambiamenti inediti. (LaPresse)

Una voce rimbalzata dall’Inghilterra e che sta iniziando a trovare conferme, si sta abbattendo come un ciclone sul mondo del calcio. Pare infatti che Gareth Southgate sia deciso a non convocare per il Mondiale i giocatori che non si saranno sottoposti al vaccino. La decisione del CT della nazionale inglese sarebbe destinata a creare grandi polemiche in patria e non solo.

Il protocollo per quanto riguarda l’ingresso in Qatar, paese ospitante del Mondiale, è molto chiaro. I non vaccinati dovrebbero fare obbligatoriamente 5 giorni di quarantena. Questo renderebbe gli eventuali calciatori no-vax con ogni probabilità indisponibili per il match d’esordio. Con i tempi strettissimi che la stagione calcistica 2022-23 prevede, proprio a causa del Mondiale invernale, i convocati delle varie nazionali infatti arriverebbero in Qatar a pochi giorni dalla partita d’esordio. In Inghilterra la questione vaccini è ancora un argomento all’ordine del giorno e se il CT si vedesse costretto a lasciare a casa qualche stella si trasformerebbe sicuramente in un caso nazionale.