Cagliari, da Francescoli a Godin: la tradizione degli uruguayani in rossoblù

Iniziò tutto con Victorino. Diego Lopez, quinto per presenze all-time del club, è stato anche due volte allenatore. Il ricordo di Francescoli, O’Neill, Fonseca, Dario Silva. I tecnici Puricelli e Tabarez. Storia degli uruguayani a Cagliari

Cagliari e l’Uruguay, un legame antico che nel calcio si traduce in una fascinazione costante. Godin sarà il ventiduesimo uruguayano in rossoblù, allungando i confini di una storia che ha visto anche quattro allenatori. Iniziò tutto con Waldemar Victorino, arrivato nel 1982 dal Nacional di Montevideo. Bearzot l’aveva definito un ottimo colpo, ma segna solo due gol in 17 partite e lo rispediscono in Argentina.

In questa storia, un posto speciale lo mantiene Diego Lopez, che è il quinto calciatore nella storia del club per numero di partite giocate in serie A (314). “El Jefe”, il Colonnello, ha totalizzato 343 presenze complessive con il Cagliari realizzando 9 gol. Poi dopo 12 anni in squadra, è tornato due volte come allenatore mantenendo uno stretto legame con l’ex presidente Massimo Cellino che l’avrebbe voluto anche sulla panchina del Brescia.

Leggi anche – Godin al Cagliari, è fatta: l’Inter lo cede a titolo definivo

O’Neill, Francescoli, Dario Silva: uruguagi nella storia del Cagliari

Dario Silva ai tempi del Cagliari
Dario Silva ai tempi del Cagliari

Nella storia degli uruguagi in Sardegna, ravvivata l’anno scorso con l’acquisto di Nandez e Oliva, altri quattro assi di un colore solo, quello Celeste, hanno raggiunto più di cento presenze. Di tratta di Nelson Abejon, amatissimo per il suo spirito battagliero, sceso in campo 175 volte in sette anni con la maglia rossoblù. Al terzo posto di questa classifica José Herrera, detto Pepe: sua figlia, nata in sardegna, è la moglie di Godin. Nella top 5 anche due dei talenti più creativi mai apparsi sull’isola: lo sregolato “Mago” Fabian O’Neill, capace di generare una generosa e sincera ammirazione perfino in Zidane, e il “Principe” Enzo Francescoli.

Il primo “Principe”, a cui Milito deve il suo soprannome per un’evidente somiglianza di tratti. Arrivato dal Marsiglia, in tre anni gioca 104 partite, sufficienti ad essere inserito nella top 11 del Cagliari di tutti i tempi. Con lui faceva coppia Daniel Fonseca, partito da Cagliari per conquistare poi i tifosi Roma, Napoli e Juventus.

Ha lasciato una traccia memorabile anche Dario Silva, attaccante da 24 gol in 97 partite a Cagliari, che si è dovuto reinventare come cameriere dopo un incidente che gli ha causato l’amputazione di una gamba.

Leggi anche – Nainggolan tra Cagliari e Inter: i sardi ci provano invano

Vecino, l’uomo della garra charrùa”

Hanno attraversato la storia del club anche Joe Bizera, difensore ruvido di impostazione classica, il centrocampista Matias Cabrera rimasto una stagione e mezza fino al 2014. Quell’anno è arrivato in prestito dalla Fiorentina Matias Vecino, l’uomo che ha reso la garra charrùa popolare fino a trasformarsi in occasione da meme dopo l’esultanza in tv di Lele Adani al commento di Inter-Tottenham di Champions League.

Scorrendo verso il basso la classifica degli uruguagi al Cagliari per numero di presenze, troviamo il trequartista Pablo Cepellini e l’attaccante Luis Romero, due meteore acquistate dal Penarol; il portiere Fabian Carini che senza fortuna ha giocato anche nella Juve e nel Cagliari; Alejandro Gonzalez che ha poi avuto una discreta carriera in serie B; Marcelo Tejera, Horacio Peralta, Rosano ed Herrera jr.

Gli allenatori uruguayani del Cagliari

Tabarez, uno dei quattro allenatori uruguagi del Cagliari
Tabarez, uno dei quattro allenatori uruguagi del Cagliari

In questa lista non possono mancare gli allenatori. Hector, per tutti Ettore, Puricelli ha firmato la salvezza nel 1968. Ventisei anni dopo, sull’isola sbarca un maestro di vita e di calcio, Oscar Tabarez, che continua ad allenare la nazionale con la forza di un testimone più forte della malattia. A Cagliari, nel 1994-95, ha portato i sardi al nono posto. Più breve e insoddisfacente la parentesi del 1999. Così come l’esperienza di Gregorio Perez, ex Independiente, nel 1996: esonerato dopo quattro sconfitte in sei partite.

Leggi anche – Uruguay, Tabarez da Guinness dei Primati: la carica delle 201 panchine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *