Conte avanza in Coppa e punta la Juve: “Il gap è ridotto”

Antonio Conte e l’Inter superano la Fiorentina e troveranno il Milan. Prima però il match con la Juventus, che misurerà le ambizioni dei nerazzurri. Il tecnico lancia la sfida e si gode Eriksen e la qualificazione in Coppa, a suo dire meritata.

Missione compiuta per Antonio Conte. La sua Inter ha battuto la Fiorentina all’ultimo minuto dei supplementari e incrocerà il Milan al turno successivo. Una gara stimolante in un duello che andrà avanti anche in campionato. Il tecnico parla di qualificazione meritata. “Abbiamo meritato di passare il turno – ha dichiarato Conte – e sono contento dell’organizzazione di gioco e della tenuta della squadra nei 120 minuti. Mi è piaciuto il ritmo tenuto dai miei e nonostante la stanchezza ho apprezzato la grinta. Eriksen? Si impegna tanto ed è un ragazzo positivo”.

Buona anche la prova di Kolarov e Ranocchia, poco impiegati negli ultimi incontri e fondamentali contro la Fiorentina. “Mi sono piaciuti molto – ha affermato il trainer dei nerazzurri – perché non è facile farsi trovare subito pronti. Questo è lo spirito giusto, e proprio per l’impegno profuso da tutti dobbiamo goderci un passaggio del turno meritato- Sono l’allenatore di un gruppo di ragazzi seri e sono contento di allenarli. Hanno a cuore l’Inter. La situazione societaria? Non deve interessarci. “.

Potrebbe interessarti anche: Coppa Italia, highlights Fiorentina-Inter: gol e sintesi partita; Video

Conte pensa solo alla Juventus: “misurerà le nostre ambizioni”

Conte inter
Antonio Conte e sullo sfondo Cesare Prandelli (Getty Images)

Antonio Conte non è mai sazio. Chiusa la qualificazione in Coppa Italia e incassato il pass per incontrare il Milan, il tecnico punta già al match con la Juventus in campionato. “Gara stimolante – sottolinea l’allenatore – che misurerà le nostre ambizioni. Abbiamo colmato il gap con i bianconeri, ma sono queste partite a farti capire chi sei davvero. Dobbiamo pensare a recuperare energie per affrontarla al meglio. Hakimi aveva la febbre a 38, Lukaku invece non è ancora al top. Dobbiamo capire come ci arriveremo. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *