Meite, l’affare si complica per il Milan: lo cerca un’altra big

Souliho Meite è al centro di una trattativa con il Milan. Il Torino però ha ricevuto un’altra offerta importante in arrivo dall’Italia. Rossoneri già ai dettagli, ma non è esclusa una clamorosa virata.

Souliho Meite è sempre più fuori dal progetto Torino. Le conferme sulla trattativa fra il calciatore e il Milan sono arrivate anche ieri durante il match di Coppa Italia, e ci sarebbero già i dettagli di un affare in via di definizione. I rossoneri avrebbero infatti offerto ai granata un prestito oneroso fissato ad 1 milione con un riscatto che ne prevede altri 7. Le società stanno lavorando sull’eventuale inserimento di bonus per chiudere una trattativa in dirittura di arrivo. A mettere i bastoni tra le ruote ai rossoneri però c’è l’inserimento di un’altra big di Serie A che sembra pronta al rilancio.

Intanto sui social spopolano i commenti dei tifosi del Torino, quasi increduli per le notizie in arrivo. Sul web il popolo granata si domanda come sia possibile un’asta su un calciatore che non ha convinto ed è stato utilizzato poco e mai con risultati soddisfacenti.

Potrebbe interessarti anche: Milan, nuova idea per l’attacco: piace un gioiello del Bayern Monaco

Meite, il Milan deve accelerare: altra offerta al Torino

Meite Torino Milan mercato
Souahilo Meite contrasta Albin Ekdal (Getty Images)

Souliho Meite ha già le valige in mano ed è pronto a lasciare Torino. Il centrocampista è già fuori dal progetto tecnico, ma la sua destinazione è ancora incerta. L’offerta del Milan è ormai chiara e praticamente accettata, ma la notizia del giorno è l’interessamento di un’altra squadra di Serie A. Sul calciatore è piombato infatti il Napoli, che avrebbe intavolato una trattativa per provare il blitz in extremis. Il centrocampista, cercato anche dal Verona, aveva dato la priorità ai rossoneri, ma la destinazione Napoli sarebbe comunque ben accetta. Nelle prossime ore i partenopei potrebbero presentare un’offerta, ma la sensazione è che il Milan è pronto a chiudere per bruciare la concorrenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *