Neymar, nuovo scontro con Gonzalez: la provocazione su Twitter

Neymar, nuovo scontro con Alvaro Gonzalez del Marsiglia: i due si sono provocati a vicenda su Twitter subito dopo la finale della Supercoppa

Paris Saint GermainOlympique Marsiglia, atto secondo. Questa volta non si tratta del ritorno della Ligue 1, ma la finale della Supercoppa di Francia che ha visto uscire vincitori gli uomini di Mauricio Pochettino per due reti ad uno (per la cronaca ha aperto le marcature l’ex Inter Mauro Icardi, Neymar ha siglato il 2-0, gol della bandiera messo a segno da Dimitri Payet). Risultato a parte, è stata anche l’occasione tra Neymar ed Alvaro Gonzalez di rivedersi dopo la rissa dello scorso 13 settembre (lo spagnolo avrebbe riferito all’ex Barcellona delle frasi razziste e lo avrebbe insultato più volte in campo). Sul terreno di gioco non hanno avuto modo di scontrarsi, anche perché ‘O Ney‘è entrato al minuto 65 del secondo tempo. Sui social, però, la sfida tra i due calciatori è continuata eccome.

Sul suo profilo ufficiale Twitter il brasiliano ha provocato il suo avversario citandolo in una foto (in cui si ritrae l’atleta con la Supercoppa appena vinta). Risposta che non si è fatta attendere. Il difensore ha commentato il suo post con un’altra foto (quando cerca di fermarlo in maniera non regolamentare) scrivendo: “I miei genitori mi hanno insegnato a portare fuori la spazzatura“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Neymar furioso dopo rissa in PSG-Marsiglia: scontro social con Gonzalez

Neymar vs Alvaro Gonzalez: le provocazioni su Twitter

Il parigino, però, non ci sta e lo ha continuato a provocare scrivendo: “Però hanno dimenticato di insegnarti come si vincono i titoli“. L’ex Villarreal ha contrattaccato postando una foto di Pelè con le tre Coppe del Mondo vinte “L’eterna ombra del Re“.

LEGGI ANCHE >>> PSG, Pochettino vince la Supercoppa. Icardi e Neymar decisivi

Il secondo migliore marcatore della Selecao ha voluto chiudere la questione una volta e per tutte scrivendo: “E tu sarai la mia ombra. Non ringraziarmi fenomeno che ti ho reso famoso“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *