Tottenham, caos Covid: organizzata festa di Natale. I giocatori coinvolti

Tottenham, caos Covid: è stata organizzata una festa di Natale nell’appartamento di uno dei tesserati del club. Pronte le sanzioni

Tre calciatori del Tottenham sono nei guai seri. Il club allenato da José Mourinho, infatti, avrebbe severamente punito i suoi tesserati: Erik Lamela, Giovanni Lo Celso e Sergio Reguilon. Motivo? Hanno infranto le regole del protocollo anti-Covid e hanno partecipato ad una festa di Natale, a Londra, con amici e parenti. Si notano infatti i calciatori che sono stati immortalati in una foto che è stata messa sui social da un loro familiare. Subito dopo il profilo è diventato privato, ma l’immagine aveva già fatto il giro del web e dei social. Molto probabile che questa festa sia avvenuta il 25 dicembre. C’entra poco se era Natale o meno: sono state violate le regole per prevenire la diffusione del virus.

Anche perché l’Inghilterra, a livelli di contagiati e di morti non se la sta passando per niente bene visto che stanno vivendo tutt’ora la seconda ondata. Non solo: in questo party c’era anche il centrocampista del West Ham, Manuel Lanzini (connazionale proprio di Lamela e Lo Celso). Molto probabile che il luogo fosse la casa dell’ex Paris Saint Germain visto che si intravedono delle repliche dei trofei vinti dai francesi. Adesso le due squadre di Premier League sono pronte a prendere dei seri provvedimenti nei confronti dei loro tesserati che non hanno dato per niente un buon esempio ai loro tifosi e non solo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Osimhen positivo al Covid-19: bufera social per festa senza mascherina | VIDEO

Tottenham, caos Covid: il comunicato del club

Giovanni Lo Celso ed Erik Lamela (Getty Images)

Questa la nota degli ‘Spurs’: “Siamo delusi dal loro comportamento e condanniamo fermamente questa immagine che ritraggono i nostri tesserati festeggiare. Una mancanza di rispetto soprattutto per chi sta facendo dei grossi sacrifici.

LEGGI ANCHE >>> Covid-19, nuovi casi nel Betis: a rischio derby col Siviglia

Le regole sono uguali per tutti: sia per calciatori che membri dello staff tecnico. Devono essere loro a dare il buon esempio”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *