Bellugi, dal dramma delle gambe amputate all’invito di Marotta: il racconto

Bellugi, torna a parlare l’ex difensore dell’Inter degli anni 70. Ha subito l’amputazione delle gambe dopo essere stato risultato positivo al Covid

Intervistato da ‘Radio Anch’io lo Sport‘ su RadioUno torna a parlare Mauro Bellugi. Lo storico difensore, che ha militato nell’Inter, Bologna e Napoli, lo scorso 22 dicembre ha subito l’amputazione di tutte e due le gambe dopo essere stato risultato positivo al Covid. Queste le sue parole con un filo di emozione: “Quando ci penso ancora mi commuovo, però adesso è successo e bisogna avere molta pazienza. Devo dimostrare di essere ancora forte, più di quanto andavo in campo. Questa è la realtà dei fatti. E’ una situazione difficile da accettare, ma è così.

Non posso mollare perché l’ho promesso alla mia famiglia e devo fare qualsiasi cosa pur di ritornare a casa quanto prima. Coronavirus? Vorrei fare un appello a tutte le persone: non scherzateci. Anche se una persona è guarita bisogna fare sempre attenzione. Io sono sempre stato attento, probabilmente ho avuto un attimo di distrazione. In un momento tutto può cambiare, ora sono senza gambe. Un messaggio ai negazionisti? Non scherziamo, il virus esiste eccome!“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Bellugi, gambe amputate dopo il Covid: il dramma dell’ex Inter

Bellugi su Marotta: “Spero di incontrarlo quanto prima

Mauro Bellugi (Getty Images)

C’è anche una bella notizia in tutto questo. Una volta che uscirà dall’Ospedale il club di Steven Zhang gli ha offerto un importante ruolo in società: “Ho parlato con Marotta. Quando potrò camminare lo andrò a trovare. I nerazzurri sono sempre nel mio cuore. Chi può vincere lo scudetto? Il Milan ha quel pizzico di fortuna in più. Le milanesi possono fare una bella figura, la mia Inter deve migliorare in difesa. In avanti invece non si può dire nulla per quello che stanno facendo sia Lukaku che Lautaro Martinez.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, Eriksen: PSG lontano. Si complica la cessione

Chi mi piace come difensore? Chiellini. E’ un mostro. Anche Skriniar non è male, ma nell’ultimo periodo ha avuto un calo. Bastoni ha un buon futuro davanti a sé, mi rivedo in lui certe volte. Un pensiero sulla Nazionale? Mancini ha ottime qualità per farci fare una bella figura ai prossimi Campionati Europei“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *