De Paul, l’Udinese fa chiarezza: il messaggio a Juventus e Inter

Rodrigo De Paul è sul mercato. La proprietà dell’Udinese fissa il prezzo, Juventus e Inter sono avvisate. Pretendenti anche dall’estero, sicuramente l’argentino prima di giugno non si muove.

Rodrigo De Paul è destinato a una grande squadra europea, lo dice il mercato. Le offerte per l’argentino, infatti, non si fermano: sul centrocampista dell’Udinese ci sono Inter e Juventus, ma anche particolare attenzione dall’estero. Al punto che dal club friulano sono stati chiari: “Prima di giugno non si muove”. Segno che a gennaio nessun nuovo sodalizio potrà essere intrapreso. I Pozzo vogliono tenere il calciatore fino a fine stagione per piazzarsi al meglio in classifica anche grazie alle sue prestazioni. Dopo, con il favore dell’estate, reinvestire i soldi ottenuti dalla cessione del centrocampista, in altri elementi che potrebbero sostituirlo. Uno o più, l’importante che sia un investimento oculato.

Leggi anche – Haaland, trema il Borussia: offerta irrinunciabile dalla Premier League 

De Paul, l’Udinese fissa il prezzo: quanto serve per averlo

De Paul, sfuma l'affare per l'Inter (Getty Images)
De Paul, Udinese fissa il prezzo (Getty Images)

Sempre di soldi si parla, gli stessi che i friulani vorrebbero dalle big interessate e il il Vice-Presidente dell’Udinese, Stefano Campoccia, intervenuto ai microfoni di Radio Kiss Kiss, ha precisato anche quanto: una sorta di tetto minimo necessario, quantomeno, per sedersi al tavolo delle trattative. A meno di 40 milioni non parte, le proposte fatte sinora non erano all’altezza”. Il segnale, dunque, è forte e chiaro: il periodo, le difficoltà economiche e l’esigenza di liquidità da parte dei bianconeri indirizzano le trattative in un certo modo.

Questo fa sì che i conti debbano quadrare e che le offerte dall’estero possano essere maggiormente accolte, dal momento che Inter e Juventus dovranno ragionare sulle proprie possibilità economiche. O meglio su quanto, effettivamente, potranno investire nel mercato. Sia a gennaio che in estate, la musica non cambia: si investe con criterio, che vuol dire se prima non parte qualcuno nessuno arriva. Allora De Paul, da obiettivo possibile, rischia di diventare una chimera. La porta, tuttavia, non è chiusa: i discorsi sono appena cominciati, anche se la proprietà dell’Udinese ha già alzato i toni. Il prezzo è fissato: non resta che farsi avanti, ma forse il difficile – in tempi come questi – è proprio riuscire a fare il primo passo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *