Guerra in Siria, Hakan Sükür controcorrente: “Lotto per la democrazia e dignità umana”

Hakan Sükür contro Erdogan
Hakan Sükür si ribella ad Erdogan, costretto ad emigrare (Getty Images)

In questi giorni sta tenendo banco la questione turca, con l’offensiva di Erdogan nei confronti del popolo curdo, più d’un esponente nel mondo del calcio ha detto la sua. Anche qualche italiano ha espresso solidarietà ai curdi, virale il post social di Claudio Marchisio. Da registrare, inoltre, le prese di posizione di alcuni giocatori della Turchia che – in campo e fuori – hanno manifestato la propria vicinanza al governo turco.

C’è anche, tuttavia, chi si ribella: chiedere ad Hakan Sükür, turco e ribelle (in tutto e per tutto) all’atteggiamento della sua nazione. Lo ha dimostrato con i fatti, non limitandosi a delle semplici parole. Sulla sua testa, infatti, pende un mandato d’arresto poiché oppositore di Erdogan. Ogni bene in suo possesso è stato sequestrato ed è stato costretto ad abbandonare il paese emigrando all’estero.

Guerra in Siria, Hakan Sükür si ribella ad Erdogan

In questo momento particolare, alcuni siti di riferimento dell’Inter lo ricordano, omaggiando il suo coraggio, e lui risponde con un cinguettio: “La mia é una lotta per la giustizia, per la democrazia, per la libertà e per la dignità umana. Non mi importa di quello che posso perdere se a vincere é l’umanità”, ha ribadito. In molti si riconoscono nel suo cipiglio, solidarietà e affetto che arriva anche dall’Italia: nei momenti di difficoltà, non c’è colore o riferimento calcistico che tenga.


Leggi anche –> Turchi, la Uefa indaga sul saluto militare: “Sembra una provocazione”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *