Eriksen, che stoccata del ct danese verso Conte: le accuse

Eriksen, che stoccata del commissario tecnico della nazionale danese nei confronti del manager dell’Inter, Antonio Conte

Solamente venti minuti giocati, in questo nuovo anno, per Christian Eriksen con la maglia dell’Inter. Antonio Conte lo ha fatto entrare a venti dal termine nella sconfitta in trasferta contro la Sampdoria. Contro Crotone e Roma ha visto i suoi compagni di squadra direttamente dalla panchina. A prescindere da questo il danese non sta attraversando un periodo bellissimo in nerazzurro. Arrivato quasi un anno fa dal Tottenham (Marotta lo ha pagato 20 milioni di euro) ha deluso le aspettative. Un po’ perché per lui la Serie A è un campionato totalmente diverso e nuovo, dall’altra parte però viene utilizzato in un ruolo che non gli appartiene ed è per questo motivo che molto probabilmente non riesce ad esprimere le sue qualità.

A pensare questo è il suo commissario tecnico della Nazionale, Kasper Hjulmand. Tornando al calciatore, nelle ultime settimane, si è parlato di una sua possibile cessione a titolo definitivo. Un ritorno in Premier League oppure l’esperienza nel campionato francese nel Paris Saint Germain allenato dal nuovo tecnico, Mauricio Pochettino. Quest’ultimo, però, avrebbe respinto questo tipo di interesse. Il ct danese ha parlato del futuro del suo giocatore ed è seriamente preoccupato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Inter, Marotta rassicura: “Società solida”. Sull’agente di Eriksen dice…

Eriksen, il ct lo difende e accusa Conte: “Christian in panchina è uno spreco

Eriksen
Christian Eriksen (Getty Images)

Queste le parole del selezionatore della Danimarca rilasciate al quotidiano ‘EkstraBladet‘: “Eriksen? Mi dispiace molto la situazione che sta vivendo con l’Inter. E’ davvero uno spreco vedere un calciatore che ha tanta qualità come lui in panchina.

LEGGI ANCHE >>> Lingard all’Inter, Marotta tratta col Man United: affare legato ad Eriksen

Se dovesse lasciare il club? Sono convinto che il ragazzo prenderà la decisione migliore per lui. Penserà solamente al suo bene per il suo futuro e per la carriera calcistica che ha davanti. E’ importante per la nostra nazionale“.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *